Come conservare frutta e verdura

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Il modo migliore per conservare frutta e verdura

Usa questa pratica tabella per aiutarti a sapere dove e come conservare i tuoi prodotti, quali frutta e verdura possono essere conservate insieme e quali dovresti tenere a parte per evitare che si rovinino.

Stai sprecando cibo perché matura, poi marcisce, più velocemente di quanto tu possa mangiarlo? (Stiamo alzando timidamente le mani insieme a te.) Conservare il cibo nel modo giusto può fare la differenza. L’etilene, un gas naturale rilasciato da alcuni frutti e verdure, accelera il processo di maturazione. Questo può essere un vantaggio: maturare rapidamente un avocado, sigillarlo in un sacchetto di carta, ma troppo etilene può causare il deterioramento dei prodotti. E non si tratta solo di etilene; la temperatura gioca un ruolo, così come come e quando si lava un frutto o una verdura, e come e dove viene conservata. Usa questa pratica tabella e continua a leggere per sapere dove (e come) conservare i tuoi prodotti.

Frutta e verdura da conservare a temperatura ambiente

Conservali sul bancone, quindi spostali in frigorifero quando sono maturi

Frutta e verdura da conservare in frigorifero

Dovresti conservare frutta e verdura insieme o separatamente?

Determinare se conservare frutta e verdura dentro o fuori dal frigo è davvero solo metà della battaglia. Alcuni frutti e verdure dovrebbero essere conservati separatamente, indipendentemente da dove atterrano. Il gas etilene, un gas naturale emesso da alcuni frutti, può accelerare il processo di maturazione di alcuni (ma non altri) frutti e verdure. Questo a volte può essere una buona cosa. Vuoi far maturare il tuo avocado più velocemente? Conservalo accanto a una banana matura in un sacchetto di carta e lascia che l’etilene della banana faccia la sua magia.

Ma non vuoi sempre che frutta e verdura maturino in avanti veloce, perché potrebbero finire per marcire prima che tu possa mangiarli. Una buona regola empirica è quella di tenere i frutti che emettono gas ad alto contenuto di etilene separati dagli altri prodotti. Mele, avocado, drupacee, pere, banane e pomodori sono alcuni dei principali colpevoli, con le delicate verdure a foglia verde che sono tra le più suscettibili al gas etilene.

Inoltre, tieni le cipolle per se stesse. Le cipolle amano condividere la loro fragranza con i vicini (soprattutto dopo che sono state tagliate), quindi dovrebbero essere conservate separatamente e soprattutto lontano dalle patate, che appassiranno e germoglieranno più rapidamente quando sono presenti le cipolle.

Come conservare frutta e verdura tagliate

Frutta e verdura a fette sono ottime da avere a portata di mano per uno spuntino e per risparmiare spazio in frigo. La maggior parte della frutta durerà circa 5 giorni dopo essere stata affettata (alcune verdure qualche giorno in più) a patto di seguire alcune regole: conservarle in un contenitore ermetico e conservare sempre in frigorifero i prodotti tagliati. Frutta come mele, pere, banane e avocado non sono i migliori candidati per essere affettati in anticipo poiché si dorano rapidamente. Conserva invece questi frutti maturi (ad eccezione delle banane) interi nel cassetto della frutta e verdura. Il più croccante tiene sotto controllo l’umidità che, a sua volta, aggiunge longevità ai tuoi prodotti.

Cosa lavare e quando

È sempre una buona idea lavare tutta la frutta e la verdura prima di mangiarle, anche quelle che sbucciate. Come mai? I batteri che causano malattie di origine alimentare possono aderire alla superficie del frutto o della verdura. (I meloni, in particolare, hanno avuto problemi con la Salmonella .) Anche se non mangi la pelle o la buccia, i batteri possono contaminare il tagliere e penetrare nella carne. Le possibilità sono piuttosto remote, ma è meglio prevenire che curare. In una nota meno spaventosa, il lavaggio elimina semplicemente lo sporco, che non è mai divertente da mordere. La maggior parte di frutta e verdura beneficia di una doccia veloce sotto l’acqua corrente fredda, ma ci sono alcuni trucchi per lavare che possono mantenere intatti alcuni dei prodotti più delicati:

Verdure a foglia: abbiamo scoperto che il modo migliore per lavare le verdure a foglia è separare le foglie dalla testa e immergerle in un bagno di acqua fredda per circa 5 minuti. Agitare delicatamente le foglie con la mano per allentare i detriti, quindi sollevarle dall’acqua e metterle in una centrifuga per insalata e farle asciugare. Se non hai una buona centrifuga per insalata, è il momento di investire. Conservare le foglie bagnate può trasformare le tue verdure in un pasticcio pastoso quasi da un giorno all’altro.

Bacche: le bacche sono delicate e odiano essere bagnate, quindi lavarle può essere difficile. Abbiamo scoperto che il modo migliore è sciacquarli in un colino, quindi stenderli su un piatto rivestito di carta assorbente per asciugarli prima di metterli in frigo. Un piroscafo a microonde (o qualsiasi recipiente di conservazione che abbia una griglia traspirante sul fondo) è un ottimo posto per conservare i frutti di bosco sciacquati. Impedisce loro di nuotare in qualsiasi acqua che possa depositarsi.

Erbe: lava le erbe fresche come faresti con le insalate in acqua fredda e poi asciugale. Ad eccezione del basilico , le erbe fresche amano essere conservate in frigorifero con un tovagliolo di carta umido (ma non bagnato fradicio) per mantenerle fresche. Puoi anche conservarli come un piccolo mini bouquet di fiori nel tuo frigorifero tagliando un pollice circa del gambo e mettendoli in un barattolo d’acqua con un sacchetto di plastica che copre liberamente il mazzo. Puoi usare lo stesso trucco anche per gli asparagi; aiuta a mantenere fresche le punte dei fiori. Idem per il basilico, ma tieni il bouquet di basilico sul bancone invece che in frigo.

Qual’è il momento migliore per lavare i tuoi prodotti? Bene, se sei super efficiente e molto bravo ad asciugare, puoi lavare i tuoi prodotti non appena li arrivi a casa, ma non è pratico per la maggior parte delle persone. Poco prima che prevedi di usarlo è il momento migliore. Se stai organizzando una festa e non vuoi rimanere bloccato a lavare mentre i tuoi ospiti si mescolano, va bene lavare prima del tempo. Ricorda solo che l’umidità in eccesso è nemica di frutta e verdura fresca. Assicurati che i tuoi prodotti siano asciutti prima di conservarli.

Contenuto correlato: Come congelare frutta e verdura

Iscriviti e ricevi in anteprima offerte su tantissimi prodotti

Iscrivendoti accetti la nostra politica sulla privacy.

Come congelare frutta e verdura per preservare la freschezza Contenuti dell’articolo Scopri come conservare e congelare frutta e verdura per preservarne la freschezza per i mesi a venire. Quando frutta e verdura sono di stagione, è il momento in…
Come conservare i melograni e quanto durano? Contenuti dell’articolo Se hai appena acquistato i melograni per la prima volta, potresti avere un paio di domande. Domande del tipo: come conservare i melograni e quanto durano? Se è così, sei…
Così giallo brillante che sembrano quasi arancioni, i fiori di zucca sono quasi irresistibili per gli acquirenti del mercato degli agricoltori. Eppure sembra che molte persone non sappiano cosa farne una volta che li hanno acquistati….
Come conservare la curcuma in due semplici procedure Contenuti dell’articolo Come conservare la radice di curcuma? In questo articolo imparerai come conservare facilmente la radice di curcuma fresca. Conservare in frigorifero per due settimane o nel congelatore per un…
Conservare i muffin per tenerli freschi più a lungo Contenuti dell’articolo Hai mai raggiunto un contenitore di muffin avanzati, desideroso dei soffici bocconcini di gioia della colazione che aspettano, solo per scoprire che l’esterno dei muffin è diventato spiacevolmente…
Vuoi scoprire come conservare gli spinaci in modo che rimangano freschi tutta la settimana? Siete venuti nel posto giusto! Ecco suggerimenti, trucchi e trucchi per conservare questo verde frondoso sano e fresco per giorni!…

Contenuti dell'articolo

Lascia un commento