Come conservare il riso

Come conservare il riso: La nostra guida

Il riso è un alimento base abbondante ed economico che si abbina praticamente a qualsiasi cosa. Con pochi semplici passaggi, puoi imparare a conservare il riso in modo che rimanga fresco e saporito a lungo.

Conservare il riso non è un compito complicato, ma richiede più che mettere una borsa o una scatola nella dispensa e chiudere lo sportello.

In questo articolo descriveremo in dettaglio come conservare il riso sia crudo che cotto.

Potrebbe interessarti: Come conservare i cereali.

Come conservare il riso crudo

come conservare il riso crudo
Riso crudo

Come regola generale, indipendentemente dalla varietà di riso crudo, il modo migliore per evitare il deterioramento o l’infestazione e prolungare la durata di conservazione è conservarlo in contenitori ermetici in un luogo fresco, buio e asciutto.

Va bene, ovviamente, tenere un po’ di riso a portata di mano in cucina a temperatura ambiente, ma per conservare grandi quantità di riso a lungo termine, dovresti tenerlo in frigorifero o nel congelatore o alternativamente in una dispensa o in un seminterrato che non troppo caldo.

Indipendentemente da dove conservi il riso, assicurati che il recipiente in cui lo tieni sia pulito e asciutto per evitare parassiti o umidità.

Contenitori di plastica per alimenti e contenitori di vetro sono entrambe buone opzioni, così come i sacchetti per congelatore.

Consiglio:

Per una conservazione a lungo termine, valuta la possibilità di investire in secchi per alimenti.

Come conservare il riso cotto

come conservare il riso cotto
Esempio di piatto con il riso cotto

Il riso cotto è suscettibile alla crescita batterica che potrebbe portare a intossicazioni alimentari, quindi cerca di raffreddare e conservare il riso cotto entro due ore dalla cottura. Il modo più veloce per farlo è stendere il riso su una teglia per farlo raffreddare a temperatura ambiente o in frigorifero prima di metterlo in un contenitore ermetico. Etichetta il contenitore con il contenuto e la data.

Il riso integrale e quello bianco si conservano entrambi per un massimo di una settimana in frigorifero in un contenitore ermetico. Il riso congelato dà il meglio di sé se consumato entro sei mesi dal congelamento, ma va bene da conservare fino a un anno.

Come riscaldare il riso cotto

Indipendentemente dal metodo, la parte più importante del riscaldamento del riso cotto è reintegrare l’umidità.

  • Sul fornello: aggiungere un cucchiaio d’acqua per tazza di riso e scaldare a fuoco basso o medio-basso, coperto, finché il riso non si sarà riscaldato.
  • Nel microonde: in un contenitore adatto al microonde, aggiungi un cucchiaio d’acqua per tazza di riso. Microonde in alto per circa un minuto per tazza.
  • In un cuociriso: molti cuociriso hanno un’impostazione specifica di “riscaldamento” o “mantenimento in caldo”. In tal caso, aggiungere qualche cucchiaio di acqua e premere il pulsante di riscaldamento. Il riscaldamento del riso di solito richiede molto più tempo in un cuociriso rispetto ai metodi a microonde o ai fornelli.

3 consigli per la conservazione del riso

C’è una buona ragione per cui le persone acquistano riso e altri alimenti essiccati sfusi da utilizzare come cibo di emergenza: è notevolmente stabile e un candidato ideale per la conservazione degli alimenti a lungo termine. Ecco alcuni accorgimenti che puoi adottare per far durare il tuo riso:

  1. Ispezionare regolarmente. Se stai conservando grandi quantità di riso, assicurati di controllarlo periodicamente per rilevare eventuali segni di parassiti come i tonchi. Se hai già cotto il riso, fai attenzione alla consistenza oleosa o agli odori insoliti; questi sono segni che il riso è andato a male.
  2. Etichettate il vostro riso. Che tu lo mantenga nel congelatore o nel seminterrato, è una buona idea etichettare il tuo riso con la data in cui lo hai conservato per la prima volta, soprattutto se si tratta di riso integrale.
  3. Investi in strumenti extra. Per la conservazione a lungo termine, o se l’unica area di conservazione adatta nella tua casa è soggetta a umidità, prendi in considerazione l’acquisto di pacchetti di assorbitori di ossigeno per mantenere il riso asciutto o contenitori che includono un sigillo sottovuoto.

Il riso va a male?

Quando è crudo, il riso si conserva a lungo, essenzialmente indefinitamente, soprattutto se si tratta di una varietà di riso bianco. Questo perché al riso bianco è stato rimosso il guscio esterno, il che significa che non contiene più oli naturali che possono irrancidirsi nel tempo.

Il riso integrale, d’altra parte, ha ancora il suo strato di crusca intatto e si deteriorerà a causa del suo contenuto di olio entro sei-dodici mesi.

Infine, il riso istantaneo, a differenza di altri tipi di riso, è già stato parzialmente cotto e va conservato solo per il tempo indicato sulla confezione.

A cosa prestare attenzione con il riso conservato

In una parola: parassiti. Insetti, roditori e persino batteri e muffe indesiderati sono i nemici del riso. Conservare il riso in un luogo fresco e asciutto aiuterà a tenere lontano l’umidità che porta a batteri e muffe. Contenitori di plastica robusti e resistenti aiuteranno a impedire ai roditori, con i loro denti aguzzi, di trovare un modo per entrare.

Articolo correlato: Metodi di conservazione degli alimenti.