Come essiccare i carciofi

Guida semplice per essiccare i carciofi

I carciofi erano apprezzati dagli antichi Greci e Romani e fino ad oggi sono ampiamente utilizzati nella cucina mediterranea e italiana. La consistenza cremosa e burrosa del carciofo lo rende un’aggiunta perfetta a tutto, dai primi piatti ai condimenti per la pizza, ai gustosi tuffi alle insalate marinate.

I carciofi freschi dureranno fino a una settimana se conservati in un sacchetto di plastica ermetico in frigorifero (qui un articolo sulla loro conservazione), ma se ne hai acquistati troppi per usarli in quel lasso di tempo e non vuoi buttarli via puoi asciugarli per una conservazione a lungo termine e uso successivo.

Istruzioni

Pulite i carciofi con acqua fredda corrente.

Su un tagliere, usa un grosso coltello affilato per tagliare le cime dei carciofi. Usando un coltello da cucina, rimuovi tutte le foglie scure dal carciofo, comprese quelle alla base e il gambo, tagliandole via fino a raggiungere le foglie interne morbide e chiare. Questo è il cuore del carciofo.

Con un cucchiaio togliete lo strozzatore peloso dal centro del cuore di carciofo in quanto non è commestibile.

Tagliate il cuore di carciofo in quarti. Riempi una pentola con qualche centimetro d’acqua e posiziona il cestello fumante all’interno. Cuocere i carciofi a vapore sul fornello nel cestello fumante per circa 4 minuti. Togliere i carciofi dal cestello fumante e metterli su carta assorbente per eliminare l’umidità in eccesso.

Disporre i cuori di carciofo in quarti su vassoi disidratatori. Carciofi essiccati a 100 gradi Fahrenheit fino a renderli fragili, circa 18 ore.

Carciofi secchi conservati in un sacchetto o contenitore ermetico.

Articolo correlato: Come marinare i carciofi.