Come conservare le melanzane

Come conservare le melanzane

Le melanzane sono un ortaggio estivo per eccellenza, che si presta a moltissime ricette grazie al sapore intenso e alla polpa consistente. Con l’arrivo dei mesi più freddi ci si domanda come fare per continuare a gustare le melanzane tutto l’anno. Esistono fortunatamente diversi metodi di conservazione che permettono di mantenere a lungo le proprietà di questo prelibato ortaggio. Si possono congelare intere o a pezzi oppure sottolio previa cottura.

Anche la disidratazione è una valida tecnica che dà vita a gustose melanzane essiccate da utilizzare in cucina. Oppure si può optare per preparazioni come vasetti sottaceto o sottosale. Seguendo pochi accorgimenti sarà possibile avere scorte di melanzane durante tutto l’anno e realizzare gustose ricette anche fuori stagione.

Come conservare le melanzane in frigorifero

La prima accortezza è riporle nei cassetti appositi per frutta e verdura, lontano da altri ortaggi che potrebbero trasmettere umidità o odori. Vanno poste con delicatezza, evitando di schiacciarle o tagliarle. Per prolungarne la freschezza, è bene avvolgerle singolarmente in sacchetti di carta o fogli di carta assorbente. In questo modo si crea uno strato protettivo che rallenta la naturale traspirazione.

Seguendo questi semplici accorgimenti, le melanzane intere si mantengono in frigorifero fino a 7 giorni, conservando la tipica consistenza compatta e il gusto caratteristico che le rendono ideali per tante preparazioni.

Come conservare le melanzane in freezer

Lavare e asciugare perfettamente le melanzane, poi tagliarle a fette, a dadini o come preferite. Disporle in un unico strato su una teglia ricoperta con carta forno, senza sovrapporle. Lasciare congelare per qualche ora, poi trasferire le melanzane in sacchetti o contenitori per il freezer, avendo cura di togliere quanta più aria possibile.

È bene suddividerle in porzioni, per scongelare di volta in volta solo la quantità necessaria. Oppure, per congelarle intere, inserirle nei sacchetti prima, racchiudendole uno ad uno con pellicola o carta forno per proteggerle. Importante è apporre un’etichetta indicando la data di congelamento e il tipo di preparazione.

Come scongelare le melanzane

L’ideale è pianificare lo scongelamento spostando le melanzane dal freezer al frigorifero il giorno prima: a temperature di refrigerazione intorno ai 4°C, lo scongelamento sarà graduale e uniforme. In alternativa, è possibile scongelare le melanzane a temperatura ambiente per 2-3 ore. In questo caso, bisogna estrarle dal sacchetto del freezer e distribuirle su un vassoio senza sovrapporle, lontano da fonti di calore.

Lo scongelamento non deve mai avvenire a temperature troppo elevate o drasticamente, per evitare che le melanzane si rovinino. Una volta scongelate, vanno consumate in breve tempo e non vanno ricongelate se già cotte.

Come conservare le melanzane sott’aceto

Per prepararle in casa, si parte da melanzane fresche e sode, che vanno lavate, asciugate e tagliate a fette di circa 1 cm. Le fette vanno quindi disposte a strati in vasetti di vetro sterilizzati, intervallandole con spicchi d’aglio, foglie di basilico e peperoncini. Ogni strato va ricoperto con aceto, preferibilmente di vino o di mele, fino a coprire le melanzane.

I vasetti vanno chiusi ermeticamente e fatti riposare per almeno 2-3 settimane in un luogo fresco e buio. Le melanzane preparate in questo modo si conservano per mesi, mantenendo inalterato il sapore grazie all’azione sterilizzante dell’aceto. Sono ottime da gustare come contorno o antipasto, conferendo un tocco di sapore all’inverno.

Come conservare le melanzane sott’olio

Dopo averle private della buccia e lasciate dissalare, si può optare per una breve bollitura di 1 minuto in acqua e aceto oppure per un bagno prolungato in aceto puro per 3 giorni, per chi ama il sapore più intenso. Le melanzane vanno poi scolate, strizzate e disposte nei vasetti, aggiungendo aromi come aglio, origano, peperoncino.

I vasetti vanno riempiti con olio extravergine d’oliva fino a ricoprire le melanzane, quindi chiusi ermeticamente. L’olio, creando uno strato protettivo, consente una lunga conservazione in dispensa. Le melanzane sott’olio si possono gustare tutto l’anno come contorno, antipasto o per farciture, ritrovando intatto il sapore dell’ortaggio appena raccolto.

Come conservare le melanzane sotto sale

Per realizzare melanzane sottosale, si parte da esemplari turgidi e ben maturi. Dopo averli lavati e asciugati, vanno tagliati a fette di 1 cm circa, disposti in strati in un contenitore ed intervallati con sale grosso, facendolo penetrare bene tra le fette. I contenitori vanno chiusi e riposti in un luogo fresco e asciutto per almeno un mese, in modo che il sale assorba l’acqua in eccesso.

Si conservano a lungo e vanno sciacquate prima dell’utilizzo per eliminare il sale in eccesso. Il sottosale esalta il sapore delle melanzane e ne consente la conservazione prolungata in dispensa, per gustarle tutto l’anno come contorno o in gustose ricette.

Come conservare le melanzane essiccate

L’essiccazione è un metodo di conservazione che si presta molto bene alle melanzane, permettendo di ottenere gustose melanzane secche da utilizzare tutto l’anno. Per essiccare le melanzane, si parte da esemplari sodi e ben maturi. Dopo averle lavate e asciugate, si tagliano a fettine sottili oppure a dadini. Le fettine o i dadini vanno disposti su teglie o griglie e fatti essiccare in forno a 50°C per 8-12 ore, girandoli di tanto in tanto.

Oppure si possono lasciare essiccare al sole per alcuni giorni, riparandoli di notte. Le melanzane secche vanno conservate in barattoli di vetro o latte chiusi ermeticamente, in un luogo fresco e asciutto. Possono essere consumate per diversi mesi come snack o ingrediente per numerose ricette. Reidratarle in acqua calda prima dell’uso.

Come conservare le melanzane cotte

Dopo essere state cotte, possono essere conservate per più giorni senza perdere il loro sapore. Le melanzane al forno, una volta raffreddate, si possono riporre in un contenitore ermetico e tenere in frigorifero per 2-3 giorni. Invece quelle fritte o alla griglia vanno conservate in frigorifero al massimo per un giorno. Anche le preparazioni più complesse come la parmigiana di melanzane si possono conservare in frigo per 2-3 giorni all’interno di un contenitore per alimenti.

Per una conservazione più prolungata, si possono congelare sia intere che già assemblate in teglie, e si mantengono per circa 3 mesi in freezer. Conservate correttamente e consumate in breve tempo, le melanzane cotte mantengono tutto il gusto della preparazione appena ultimata.

Letture correlate:

Preferenze Privacy