Come conservare i frutti di mare

Come conservare i frutti di mare correttamente

Sia che un consumatore acquisti frutti di mare da un mercato o catturi/raccolga pesce e crostacei da solo, sono necessari un trattamento, una conservazione e una preparazione adeguati per mantenere la qualità e garantire la sicurezza.

Sebbene ci siano molti tipi di frutti di mare disponibili da fonti commerciali o dalla pesca ricreativa, tutti i pesci e i crostacei sono altamente deperibili e dovrebbero essere seguite le stesse linee guida di base per la conservazione e la manipolazione: tenerlo al fresco, tenerlo pulito, conservarlo rapidamente, preparare e cucinarlo correttamente.

Mantieni i frutti di mare al freddo

La durata del tuo pesce fresco dipende dalle condizioni del prodotto al momento dell’acquisto e da quanto bene te ne prendi cura. Quando si conserva il pesce fresco, tenerlo nella parte più fredda del frigorifero. Usa un termometro per assicurarti che il tuo frigorifero domestico funzioni a 40 ° F o meno.

Il pesce perderà qualità e si deteriorerà rapidamente con una temperatura di conservazione più elevata, quindi usa il ghiaccio quando puoi. Acquista sempre i frutti di mare per ultimi durante il tuo giro di shopping e porta un dispositivo di raffreddamento per trasportarli a casa.

Se hai pescato i tuoi pesci, non lasciarli seduti sul ponte finché non torni al molo. Seppellirli immediatamente nel ghiaccio o utilizzare una granita di ghiaccio con circa 2 parti di ghiaccio in 1 parte di acqua per mantenere il pesce fresco.

Conservare correttamente i frutti di mare

Pesce: deve essere conservato in frigorifero e utilizzato entro 1 o 2 giorni dopo l’acquisto. È una buona idea conservarlo sul ghiaccio in frigorifero per mantenerlo il più freddo possibile. Se il pesce non viene utilizzato entro 2 giorni, avvolgilo strettamente in sacchetti resistenti all’umidità (in modo che il pesce non si asciughi) e conservalo nel congelatore.

Crostacei: come cozze, vongole e ostriche che si acquistano vivi nel loro guscio, vanno messi in un tegame basso (senza acqua), coperti con carta assorbente inumidita e messi in frigorifero. Cozze e vongole vanno consumate entro 2-3 giorni e le ostriche entro 7-10 giorni. I crostacei sgusciati possono essere messi in un contenitore sigillato e congelati. Le aragoste e i granchi vivi dovrebbero essere cotti il ​​giorno in cui vengono acquistati.

I frutti di mare congelati devono essere mantenuti congelati ed è una buona idea datare i pacchetti di frutti di mare congelati in modo da poter utilizzare prima i frutti di mare più vecchi. Per la migliore qualità, ricorda il concetto FIFO: First In, First Out. I frutti di mare congelati devono essere scongelati correttamente.

È meglio scongelare i frutti di mare congelati in frigorifero durante la notte. Altri metodi di scongelamento includono: immergere i frutti di mare congelati in acqua fredda per un breve periodo in un sacchetto di plastica sigillato, o cuocere a microonde su un’impostazione di scongelamento fino a quando il pesce è flessibile ma ancora ghiacciato.

Fai attenzione a non surriscaldare i frutti di mare nel microonde o inizierai il processo di cottura.

Maneggiare e preparare correttamente i frutti di mare

Tutti gli alimenti, compresi i frutti di mare, devono essere maneggiati e preparati in un’area pulita per evitare la contaminazione incrociata. Ricorda sempre di tenere pulite le mani, l’area di preparazione e gli utensili. Non lasciare mai che i frutti di mare crudi entrino in contatto con cibi già cotti o pronti al consumo (es. insalate, frutta, pesce affumicato). Sia che tu stia conservando il pesce fresco o scongelando il pesce congelato nel tuo frigorifero, assicurati che i succhi dei frutti di mare crudi non gocciolino sul cibo che è già stato cotto o sul cibo che non sarà cotto.

Le marinate sono ottime per i frutti di mare, ma non devono essere conservate e utilizzate come salsa a meno che la marinata non sia stata cotta a una temperatura di almeno 165 ° F per eliminare i microrganismi dal pesce crudo. Marinare sempre in frigorifero in un contenitore di vetro o di plastica.

Non servire mai i frutti di mare cotti su un piatto che conteneva il prodotto crudo senza un’adeguata pulizia. Conservare gli avanzi, adeguatamente avvolti, in frigorifero entro 2 ore. I batteri cresceranno rapidamente nella “zona di pericolo” di temperatura di 40-140 ° F, quindi mantieni il cibo caldo sopra i 140 ° F e il cibo freddo sotto i 40 ° F.

Cuocere i frutti di mare correttamente

Per evitare malattie di origine alimentare, è necessario cuocere i frutti di mare a una temperatura interna di 145 ° F per 15 secondi fino a quando la carne è opaca e traballante. Usa un termometro per alimenti per controllare la temperatura interna nella parte più spessa per assicurarti che sia completamente cotto senza scuocere.

A cottura ultimata, capesante e gamberi risulteranno sodi e opachi. I crostacei come vongole, cozze, ostriche diventeranno paffuti e opachi e i loro gusci si apriranno. I gusci di aragosta e granchio diventeranno rosso vivo con una polpa perlacea opaca. Per consigli specifici sui parametri di cottura per i diversi prodotti ittici, visitare i siti Web elencati di seguito.

Altri consigli per la sicurezza dei frutti di mare

È sempre meglio cucinare accuratamente i frutti di mare per ridurre al minimo il rischio di malattie di origine alimentare. Gli individui sani possono scegliere di mangiare pesce crudo o parzialmente cotto, ma i bambini piccoli, le donne in gravidanza o in allattamento, gli individui immunocompromessi e gli anziani dovrebbero evitare di mangiare pesce crudo o parzialmente cotto.

Se hai un’allergia a uno o più tipi di pesce, crostacei (vongole, ostriche) o crostacei (gamberi, aragoste, granchi) leggi attentamente le etichette degli alimenti e non mangiare cibi a cui sei allergico.

Articolo correlato: Come conservare le ostriche.