Olio d’oliva raffinato e non raffinato

Come viene classificato l’olio d’oliva

Anche l’olio d’oliva rientra in due categorie distinte: raffinato e non raffinato. Mentre gli oli non raffinati sono puri e non trattati, l’olio raffinato viene trattato per rimuovere i difetti dall’olio, rendendolo più vendibile. A differenza dell’olio extravergine di oliva non raffinato, gli oli raffinati “mancano degli importanti antiossidanti e antinfiammatori che rendono l’olio extravergine così speciale”.

Guardando la foto dei due bicchieri di olio di oliva, puoi vedere che l’olio extravergine d’oliva ha un colore notevolmente più scuro, mentre l’olio d’oliva normale, ha una tonalità più chiara e brillante. Questo differenziale di colore, tuttavia, varia da marchio a marchio ed è ingannevole. Non è possibile utilizzare il colore per distinguere in modo affidabile due gradi di olio. 

differenza tra olio di oliva e olio extravergine di oliva
Olio a confronto.

Cosa c’è da sapere sull’olio extravergine di oliva

L’olio extravergine d’oliva è un olio non raffinato. Ci sono standard molto specifici che l’olio deve soddisfare per ricevere l’etichetta “extravergine“. A causa del modo in cui è prodotto, l’olio extravergine di oliva conserva un gusto più autentico di oliva, e ha un livello di acido oleico inferiore rispetto ad altre varietà di olio d’oliva. Contiene anche più vitamine e minerali naturali presenti nelle olive.

L’olio extravergine di oliva è considerato un olio non raffinato poiché non è trattato con prodotti chimici o alterato dalla temperatura. Ciò che lo distingue è il basso livello di acido oleico e l’assenza di difetti sensoriali. Non contiene più dell’1% di acido oleico e ha tipicamente un colore verde dorato, con un sapore distinto e un finale leggermente pepato.

Anche se puoi cucinare con olio extravergine di oliva, ha un punto di fumo inferiore rispetto a molti altri oli, il che significa che brucia a una temperatura più bassa. Conserva le cose costose di buona qualità per intingere il pane, condire, salse, piatti freddi e usa le cose meno costose per cucinare e cuocere al forno.

Per chi non ha mai avuto il piacere di vedere un frantoio in azione, ovvero, come dalle olive si ricava l’olio extravergine di oliva, ho incorporato un video di”AgriMattia 365″, che ne descrive benissimo tutte le fasi per produrre un olio di altissima qualità.

Qual’è la differenza tra olio d’oliva normale e olio extravergine d’oliva?

La maggior parte delle ricette richiede semplicemente olio d’oliva, ma lo scaffale del negozio di alimentari offre una vasta gamma di opzioni, dall’olio extravergine, all’olio d’oliva puro e persino leggero. C’è davvero una differenza? E se sì, che cos’è?

L’olio d’oliva è tutto incentrato sul processo

In generale, “olio d’oliva” ( Qui se vuoi sapere come si conserva ) è semplicemente l’olio che si ottiene dal frutto degli ulivi (Qui trovi come conservare le olive). Di per sé questo suona abbastanza semplice e diretto. Ma ci sono diverse varietà di olio d’oliva che si distinguono non dal tipo di oliva che viene utilizzata, ma dal processo utilizzato per estrarre l’olio, nonché dagli additivi e dal livello di acido oleico libero nell’olio.

Come conservare lolio di oliva 2

Articoli correlati: Come conservare le olive e le olive in acqua e sale.