Come essiccare i funghi

Se passate ore nel bosco alla ricerca di funghi preziosi e rari, non è il caso di buttare via tutto! Siamo d’accordo?

Tuttavia, un processo di asciugatura mal eseguito può rovinare tutti i vostri sforzi!

Non c’è niente di peggio che trovare della muffa nel proprio barattolo di funghi secchi! Non è così?

In questo articolo scoprirete come essiccare i funghi in casa, indipendentemente dal fatto che abbiate o meno un disidratatore. Iniziamo!





Come essiccare i funghi correttamente

In quanto fornitori nazionali di funghi, le persone si rivolgono a noi con impazienza per avere tutti i migliori consigli sui loro funghi preferiti.

Una delle domande più frequenti è come disidratare i funghi e capiamo perché sei curioso.

I funghi secchi sono un’ottima alternativa ai funghi freschi poiché durano a lungo nella dispensa e sono ricchi di valore nutritivo .

Inoltre, non c’è bisogno di preoccuparsi di perdere sapore durante il processo di disidratazione; alcuni funghi ottengono anche un gusto più concentrato. Il loro sapore robusto e la lunga durata rendono i funghi secchi l’ingrediente perfetto in molte ricette!

Ecco i consigli degli esperti su come disidratare correttamente i tuoi funghi:



1. Controlla la freschezza dei tuoi funghi.

Potresti pensare di salvare i tuoi funghi viscidi facendoli seccare, ma non è così. Proprio come il congelamento della carne oltre la sua durata di conservazione non risolverà il fatto che il cibo è andato a male, nemmeno disidratare i funghi quando hanno superato la loro durata di conservazione non li salverà.

Assicurati che i tuoi funghi siano freschi prima di disidratarli. Nel nostro altro post, 6 consigli per la preparazione dei funghi per servire i funghi più freschi, ogni volta, ti sveliamo alcuni segreti per mantenere freschi i tuoi funghi e testarne la freschezza.

2. Pulisci i tuoi funghi freschi.

Prima di mettere i funghi nell’essiccatore, assicurati che siano puliti correttamente.

Pulisci i funghi con un tovagliolo di carta umido; non metterli in una ciotola sotto l’acqua corrente! Sei curioso di sapere perché ti stiamo dicendo di non far correre i tuoi funghi sott’acqua? Sono piuttosto porosi e possono gonfiarsi se avvolti da un liquido. Leggi di più su come “lavare” i tuoi funghi qui.



3. Affettare correttamente i funghi.

Attaccare funghi interi o tappi Portabella nel tuo disidratatore non consentirà ai tuoi funghi di asciugarsi correttamente. La massa sarà troppo densa e probabilmente non si disidraterà mai completamente a meno che non la mantenga a lungo nella macchina; in tal caso rischi di compromettere la qualità dei tuoi funghi disidratati e la sicurezza alimentare.

Per preparare i tuoi funghi per l’essiccatore, tagliali a fette da mezzo centimetro.

Assicurati di affettare anche i tuoi funghi in una linea pulita in modo che possano asciugarsi uniformemente. Vuoi un modo migliore per tagliare i tuoi funghi più velocemente? Dai un’occhiata al nostro fantastico trucco per affettare le uova qui!



4. Disporre sul vassoio dell’essiccatore.

Ora che hai tagliato a fettine i tuoi funghi, puoi disporli sul vassoio dell’essiccatore. Ma c’è un certo modo in cui puoi deporre i tuoi funghi per ottenere i migliori risultati.

Ti consigliamo di disporre i tuoi funghi molto vicini tra loro in modo da poter disidratare il più possibile in un unico lotto. Quanto vicino è troppo vicino? Assicurati semplicemente che i bordi non si tocchino, poiché le aree sovrapposte possono trattenere l’umidità. I funghi chiusi si asciugano più velocemente e in modo più uniforme, ma i funghi che si baciano non hanno il flusso d’aria di cui hanno bisogno per disidratarsi completamente.

I funghi si restringono un po’ una volta asciugati, quindi più puoi metterli sul vassoio, meglio è. Asciugare i funghi affettati tra 110F e 120F, fino a quando i pezzi non saranno croccanti. Questo processo richiede solitamente dalle 6 alle 8 ore per fette da 1/4 di pollice, anche se le fette più spesse possono richiedere fino a 10 ore. Segui sempre le istruzioni specifiche fornite con il disidratatore, poiché marche diverse possono avere tempi di asciugatura variabili.

Sai che i tuoi funghi sono pronti quando si rompono a metà invece di piegarsi.



5. Reidrata i tuoi funghi

Quando sei pronto per mangiare i tuoi funghi disidratati, rimuovi la tua porzione preferita dal barattolo sigillato. Mettili in una ciotola resistente al calore e versaci sopra dell’acqua bollente. Lasciateli in ammollo per 20-30 minuti prima di usarli.

Non scaricare quell’acqua dopo. L’acqua di ammollo avrà assorbito parte di quel ricco sapore di funghi, quindi usalo nella tua ricetta o conservalo per domani! I funghi disidratati sono l’aggiunta perfetta a zuppe e salse fatte in casa.



Ricapitolando: 4 metodi per essiccare i funghi

La chiave per essiccare i funghi è fornire un’adeguata circolazione dell’aria e calore durante il processo di disidratazione. Ecco quattro diversi metodi che puoi utilizzare per essiccare i funghi:

  1. Disidratatore: l’uso di un disidratatore alimentare è un metodo facile e a bassa manutenzione per essiccare i funghi. Metti semplicemente i tuoi funghi sui vassoi dell’essiccatore, assemblando le fette una accanto all’altra senza sovraffollare lo stendibiancheria. Imposta il disidratatore a 120 gradi Fahrenheit e lascia asciugare i funghi per alcune ore. Di solito ci vogliono dalle sei alle otto ore per asciugare completamente i funghi, a seconda delle dimensioni delle fette.
  2. Forno: se non disponi di un disidratatore alimentare, usa il forno per essiccare i funghi. Metti i tuoi funghi affettati su una teglia in un unico strato, distanziandoli uniformemente in modo che non si trovino uno sopra l’altro. Cuocere i funghi per un’ora a 150 gradi Fahrenheit, quindi capovolgerli e cuocere per un’altra ora per rimuovere l’umidità in eccesso.
  3. Asciugare all’aria: essiccare i funghi in modo naturale lasciandoli essiccare all’aria a temperatura ambiente. Metti i funghi lavati in un contenitore aperto con buona circolazione, come un cesto o una ciotola intrecciata, e lasciali asciugare sul bancone. Dopo una settimana, i tuoi funghi saranno asciutti e pronti per la conservazione a lungo termine.
  4. Liofilizzato: la liofilizzazione dei funghi conserverà anche il loro sapore a lungo termine. Disponi le fette di funghi su un tovagliolo di carta, distanziando i funghi in modo uniforme senza sovrapporsi. (I funghi sovrapposti si fonderanno durante il processo di essiccazione.) Coprire i funghi con un altro tovagliolo di carta e metterli in un sacchetto di carta marrone o in un contenitore ermetico. Lasciare la busta o il contenitore nel congelatore per due giorni in modo che i funghi si asciughino completamente.



Prepara i funghi in polvere

Sapevi che i funghi secchi possono essere utilizzati nella maggior parte delle ricette che richiedono funghi freschi? I tuoi funghi disidratati ti danno la flessibilità di avere sempre a portata di mano i funghi.

Usare la polvere di funghi è un modo semplice per dare al tuo piatto un’esplosione di sapore concentrato. Aggiungi la tua polvere a frullati, frullati, zuppe, brodi, salse, sughi, cereali per la colazione o yogurt, con facilità.

Dai un’occhiata al nostro altro articolo per le istruzioni su come trasformare i tuoi funghi disidratati in polvere di funghi.



Aggiungi più funghi alla tua dieta

Disidratare i tuoi funghi è un ottimo modo per prolungarne la durata e avere una scorta costante di funghi a portata di mano per l’uso in cucina spontanea!

Ti piace aggiungere i funghi ai tuoi piatti preferiti? Devi provare le ricette nel nostro ricettario Più sapore, meno sensi di colpa. Dai maccheroni al peperoncino agli spaghetti italiani, abbiamo una lunga lista di ricette più sane e rispettose dei funghi pronte da montare.

Articoli correlati: