Come conservare la ricotta

Non sai come conservare la ricotta o quanto dura?

In questo articolo parliamo di come conservare la ricotta: pratiche di conservazione, durata di conservazione e segni di deterioramento. Se hai bisogno di imparare qualcosa su qualcuno di questi, continua a leggere.

Sommario

  • Conserva la ricotta in frigorifero, in un contenitore chiuso
  • La ricotta non aperta può durare alcuni giorni oltre la sua data
  • Una volta aperto il contenitore, finisci il prodotto entro 5-7 giorni se è fresco
  • Puoi congelare la ricotta, ma ha senso solo se la usi in piatti cucinati

Come conservare la ricotta fresca

Penso che sia ovvio che dovresti refrigerare la ricotta. E per farla durare il più a lungo possibile, evita di lasciarla a temperatura ambiente. Questo significa:

  • buttare la ricotta in frigo appena torni a casa
  • se ne usi solo una porzione, raccoglila (usando un cucchiaio pulito!) e metti subito il resto in frigorifero

Quando si tratta di aprire la ricotta, assicurati che rimanga ben sigillata. In questo modo, non raccoglie odori, non si secca o viene contaminato da eventuali microrganismi che potrebbero essere su altri alimenti. Per risolverlo, puoi utilizzare il contenitore originale (se è richiudibile come il mio) o un contenitore per alimenti.

Ultimo ma non meno importante, parliamo del congelamento della ricotta. In generale, la maggior parte dei produttori sconsiglia di congelare la ricotta, perché cambia la sua consistenza. Il formaggio una volta liscio diventa friabile e non va bene per la maggior parte degli usi. L’unica eccezione sono i piatti cucinati, dove questi cambiamenti non contano più di tanto.

Se hai intenzione di utilizzare la ricotta in una ricetta cotta (ad esempio, frittelle), sentiti libero di congelarla in un contenitore ermetico. Il cambiamento nella qualità del piatto finale dovrebbe essere nullo nella migliore delle ipotesi e sottile nel peggiore dei casi.

come conservare la ricotta fresca 1024x683 1
Ricotta in ciotola.

Quanto dura la ricotta?

La durata di conservazione della ricotta è di circa due settimane o da tre a cinque giorni dopo la data sull’etichetta. Dopo aver aperto il contenitore, finisci gli avanzi entro cinque o sette giorni. Se hai bisogno di più tempo, congela il formaggio.

Questa è l’essenza, entriamo nei dettagli. La ricotta non è uno di quei latticini ricchi di grassi che durano a lungo (come il burro o il formaggio a pasta dura ). La sua durata è di solito di circa due settimane. E c’è sempre una data sull’etichetta che è molto utile per determinare per quanto tempo si conserva la ricotta.

Se tu (e il supermercato) avete fatto tutto bene quando si tratta di conservare, la ricotta dovrebbe rimanere perfettamente a posto per un massimo di tre o cinque giorni dopo tale data.

come congelare la ricotta 1024x682 1
Preparazione della ricotta al congelamento.

Come congelare la ricotta

Si può congelare la ricotta? La buona notizia è si! la ricotta si può congelare, e l’intero processo è semplicissimo. La cattiva notizia è che il congelamento e lo scongelamento modificano questo prodotto lattiero e, in alcuni usi, questi cambiamenti sono dannosi. Una delle cose migliori del congelamento della ricotta è che ci vogliono solo un paio di minuti di tempo. Vediamo il procedimento:

  • Porziona la ricotta in contenitori
  • Aggiungi una etichetta con data su ogni contenitore
  • Inserisci tutto nel congelatore

Fatto. Puoi lasciare la ricotta nel congelatore per almeno tre mesi, se non superi questo lasso temporale di congelamento, la ricotta non dovrebbe perdere il suo sapore.

La ricotta si può congelare? Si chiariamo un aspetto

Il metodo migliore per dire che la ricotta si può congelare è che deve essere crema di ricotta. Nel caso in cui tu non voglia congelare la crema di ricotta, puoi congelare la ricotta fresca aggiungendo zucchero. L’aggiunta dello zucchero permetterà di non perdere consistenza nel momento in cui dovrai scongelarla.

Il metodo di preparazione della crema di ricotta è molto semplice, ma è importante avere ingredienti di alta qualità, come la ricotta di capra di alta qualità rigorosamente fresca. Un buon rapporto di materie prime è da 1 a 3, ovvero 100 grammi di zucchero per 300 grammi di ricotta.

Ma altrettanto importante è il processo di lavorazione, conservazione e congelamento degli ingredienti della ricotta dolce.

Come sapere se la ricotta è andata a male?

I segni tipici della ricotta includono:

  • Muffa
  • Macchie nere o marroni
  • Cambiamento di colore in giallo o arancione
  • Fuori dall’odore

Se uno dei due è presente, butta via la ricotta. Un’altra cosa a cui prestare attenzione è il formaggio che diventa acido. Se noti che il suo odore è cambiato, probabilmente dovresti buttarlo via. Certo, non è davvero rovinato, ma non ha nemmeno il sapore che dovrebbe avere.

Ultimo ma non meno importante, liquido in cima. È naturale che nella ricotta avvenga una separazione liquida, soprattutto se sta già spingendo la sua data di scadenza. Puoi scolare il liquido o rimescolarlo nel formaggio. In altre parole, un po’ d’acqua sopra la ricotta non è nulla di preoccupante.

Come fare la ricotta in casa

Direttamente da: Chef Stefano Barbato, come fare la ricotta in casa.

Articolo correlato: Come conservare la mozzarella.