Come conservare la ricotta

Come conservare la ricotta

Per ricotta si intende un formaggio fresco prodotto con latte di vacca o di pecora e più raramente di capra o di bufala. Sebbene questo formaggio sia originario del nostro paese e di Malta, non ha una denominazione di origine registrata.

Denominazione di ricotta di dominio pubblico, il formaggio può variare nella sua composizione da una produzione all’altra. Tuttavia, la ricotta ha quasi sempre un sapore fresco e leggermente salato.

Fresca e poco calorica, la ricotta è uno di quei formaggi freschi che aggiungono un tocco gourmet a ricetta, salata o dolce.

Tradizionalmente preparato con latte di bufala, pecora o capra, la ricotta e generalmente prodotto con latte di vacca. Ma ora vediamo come possiamo conservala correttamente per mantenere il gusto e le proprietà.

Come conservare la ricotta fresca

Penso che sia ovvio che dovresti refrigerare la ricotta. E per farla durare il più a lungo possibile, evita di lasciarla a temperatura ambiente. Questo significa:

  • buttare la ricotta in frigo appena torni a casa
  • se ne usi solo una porzione, raccoglila (usando un cucchiaio pulito!) e metti subito il resto in frigorifero

Quando si tratta di aprire la ricotta, assicurati che rimanga ben sigillata. In questo modo, non raccoglie odori, non si secca o viene contaminato da eventuali microrganismi che potrebbero essere su altri alimenti.

Per risolverlo, puoi utilizzare il contenitore originale (se è richiudibile come il mio) o un contenitore per alimenti.

Ultimo ma non meno importante, parliamo del congelamento della ricotta. In generale, la maggior parte dei produttori sconsiglia di congelare la ricotta, perché cambia la sua consistenza. Il formaggio una volta liscio diventa friabile e non va bene per la maggior parte degli usi. L’unica eccezione sono i piatti cucinati, dove questi cambiamenti non contano più di tanto.

Se hai intenzione di utilizzare la ricotta in una ricetta cotta (ad esempio, frittelle), sentiti libero di congelarla in un contenitore ermetico. Il cambiamento nella qualità del piatto finale dovrebbe essere nullo nella migliore delle ipotesi e sottile nel peggiore dei casi.

La ricotta si può congelare per una lunga conservazione?

La ricotta fresca è un latticino molto delicato con un’elevata percentuale di acqua. Per questo, non è consigliabile congelarla senza accorgimenti per periodi prolungati, perché perderebbe la sua cremosità e assumerebbe una consistenza granulosa e secca una volta scongelata.

L’unico caso in cui è possibile congelare la ricotta è sotto forma di crema di ricotta zuccherata: mescolando la ricotta freschissima con una quantità abbondante di zucchero se ne può ricavare una purea liscia e spalmabile che si presta alla conservazione in freezer.

In alternativa, prima di congelare la ricotta intera è necessario aggiungere un po’ di zucchero alla massa, in modo che questo funga da stabilizzante impedendo la fuoriuscita dell’acqua con il congelamento.

Dopo l’acquisto, è preferibile comunque consumare la ricotta entro pochi giorni conservandola in frigorifero. Il congelamento va considerato un’opzione di emergenza per non gettare via il prodotto, ma alterandone le proprietà originali.

Quanto dura la ricotta?

La ricotta fresca è un latticino molto deperibile che va consumato nel giro di pochi giorni. La ricotta acquistata sfusa al banco frigo e porzionata al momento, se conservata correttamente in frigorifero chiusa in un contenitore ermetico, dura 2-3 giorni al massimo.

La ricotta confezionata in vaschette sigillate, potendo contare su un confezionamento sterile, può durare qualche giorno in più, anche 4-5 giorni dalla data di produzione, se la temperatura di conservazione è costante a 4°C.

In generale, è sempre meglio consumare la ricotta fresca nel più breve tempo possibile dopo l’acquisto, e controllare che non sviluppi muffe, odori o sapori anomali prima dell’uso. Il congelamento può prolungarne la shelf life solo parzialmente.

Come sapere se la ricotta è andata a male?

Ci sono alcuni campanelli d’allarme a cui prestare attenzione. Innanzitutto l’aspetto: se la ricotta presenta un colore giallastro anziché bianco candido, è indice che è iniziato un processo di deterioramento. Anche la consistenza fornisce utili indicazioni: una ricotta avariata tende a essere eccessivamente molle e acquosa oppure secca e granulosa. La sua struttura diventa meno vellutata.

Fondamentale il test olfattivo: la ricotta guasta emana un odore acre o fermentato davvero sgradevole. Anche il sapore risulterà più acido e pungente del solito. La presenza visibile di muffe è il campanello d’allarme più evidente che indica lo sviluppo di agenti alteranti.

In caso di dubbi sulla freschezza, meglio ripetere il test gusto-olfattivo o, in caso di ricotta confezionata, verificare che non sia stata superata la data di scadenza indicata sulla confezione.

Articoli correlati:

Preferenze Privacy