Come conservare i fichi

Come conservare i fichi

I fichi sono frutti dolcissimi e gustosi, tipici dei mesi estivi di agosto e settembre. Originari del Medio Oriente, oggi se ne contano oltre 700 varietà diverse, con colori che spaziano dal verde chiaro al viola intenso. Oltre al loro sapore zuccherino, i fichi hanno anche un forte valore simbolico nelle culture orientali, rappresentando abbondanza e saggezza.

Purtroppo la stagione di raccolta di questi frutti è relativamente breve. Per poterli gustare più a lungo, è importante conoscerne le corrette modalità di conservazione. In questo articolo illustriamo alcuni semplici metodi, dal congelamento alla essiccazione, per poter godere del sapore dolce e vellutato dei fichi anche quando non sono più di stagione. Scopri i trucchi e i consigli per conservare al meglio questo frutto delizioso.

Come conservare i fichi in frigorifero

La conservazione dei fichi in frigorifero è un metodo semplice che ci permette di mantenerli freschi per 3-4 giorni dopo la raccolta o l’acquisto. Per farli durare di più è bene riporli nell’apposito cassetto per frutta e verdura, avendo cura di sistemarli in un sacchetto dotato di micro-fori traspiranti. Questi permettono di eliminare l’umidità in eccesso e di conservare più a lungo intatte le qualità dei fichi.

I sacchetti traspiranti sono facilmente reperibili nei supermercati o negozi per alimentari. Un’accortezza è quella di non lavare i fichi prima di conservarli, per non accelerare il deterioramento. Sarà sufficiente sciacquarli velocemente prima del consumo. Seguendo questi semplici accorgimenti, potremo avere fichi freschi e saporiti anche a distanza di qualche giorno dall’acquisto.

Come conservare i fichi nel frezzer

Il congelamento è il metodo migliore per conservarli a lungo e poterli gustare anche fuori stagione. Per ottenere risultati ottimali è importante selezionare solo fichi maturi ma non troppo, che si presentino turgidi e consistenti. Dopo averli lavati e asciugati con cura, è preferibile congelarli interi e non tagliati. In questo modo si manterranno più sodi e compatti dopo lo scongelamento.

Vanno sistemati in sacchetti o contenitori per alimenti, facendo attenzione a non schiacciarli. Il congelatore di tipo ventilato consente un congelamento rapido e uniforme. Seguendo una corretta procedura, i fichi congelati si conservano per 8-10 mesi. Una volta scongelati lentamente, saranno pronti per essere gustati come appena raccolti.

Come scongelare i fichi

Il metodo ideale è lasciarli scongelare lentamente in frigorifero per circa 8-10 ore prima del consumo. Lo scongelamento graduale a basse temperature preserverà al meglio la loro consistenza, il sapore e le proprietà. In alternativa, è possibile scongelarli a temperatura ambiente per 2-3 ore. Attenzione però a non rimettere mai in freezer i fichi dopo lo scongelamento: il doppio congelamento deteriora la frutta. Una volta scongelati, è bene consumarli nel giro di poco tempo. Prima di mangiarli o cucinarli, sciacquarli sotto l’acqua corrente per eliminare i residui di ghiaccio.

Come conservare i fichi essiccati

L’essiccazione è uno dei metodi tradizionali più efficaci per conservare i fichi a lungo. Dopo averli raccolti maturi, i fichi vengono lavati, aperti a metà e privati dei semi interni. A questo punto si procede con l’essiccazione vera e propria, esponendo i fichi a una fonte di calore a temperatura controllata per diverse ore.

Man mano che l’acqua evapora, i fichi si disidratano e si riducono di volume. Quando risultano morbidi e pastosi, di colore bruno scuro, l’essiccazione è completata. I fichi secchi ottenuti vanno conservati in barattoli di vetro o latte ermetiche, al riparo dall’umidità. Se correttamente essiccati e conservati, i fichi secchi si mantengono per 6-8 mesi.

Come reidratare i fichi essiccati

Per reidratare i fichi secchi, il procedimento migliore è quello di lasciarli in ammollo in acqua tiepida per circa 3 ore prima di consumarli. L’acqua deve ricoprire completamente i fichi disidratati, che andranno disposti in una ciotola adeguata. Trascorso il tempo necessario, l’acqua sarà stata assorbita ridonando ai fichi morbidezza e sapore. A questo punto, saranno pronti per essere gustati o utilizzati in cucina, con la stessa consistenza dei fichi freschi. L’ammollo in acqua tiepida è il metodo semplice ed efficace per reidratare e rinvenire correttamente i fichi secchi.

Come conservare i fichi sottovuoto

Il metodo della conservazione sottovuoto è ottimo per prolungare a lungo la durata dei fichi freschi e poterli gustare tutto l’anno come appena raccolti. Dopo averli accuratamente lavati e asciugati, vanno riposti in appositi barattoli o sacchetti per sottovuoto. Il sottovuoto consente di eliminare l’aria all’interno della confezione, creando così un ambiente privo di ossigeno che inibisce la proliferazione di muffe e batteri.

In questo modo possono essere conservati per molti mesi. Oltre alla frutta intera, con il sottovuoto si possono preparare gustose marmellate di fichi o fichi sciroppati, creando deliziose conserve homemade da utilizzare anche per farciture e dessert.

Letture correlate:

Preferenze Privacy