Come essiccare le carote

Come essiccare le carote con disidratatore e al forno

L’essiccazione delle carote con un disidratatore preserva il colore arancione brillante, il sapore e la maggior parte dei nutrienti della verdura fresca. Le carote essiccate sono ottime nelle zuppe (comprese le zuppe fatte in casa ), negli stufati e nei sughi per la pasta.

Inoltre occupano pochissimo spazio e non pesano quasi nulla, il che li rende molto facili da riporre.

Come essiccare le carote con il disidratatore alimentare

  1. Se le carote verdi sono ancora attaccate alle carote, rimuoverle. Eliminate anche le estremità delle carote. Composta le foglie e le punte o conservale per usarle nel brodo.
  2. Pulisci le carote sotto l’acqua corrente (usa una spazzola per verdure se ne hai una). Anche se puoi scegliere di sbucciare le carote prima di asciugarle, vale la pena lavarle prima in modo che il tuo pelapatate non raccolga lo sporco e lo sparga sulle carote (dovresti lavarle comunque).
  3. Sbucciare le carote è facoltativo, ma lo facciamo quasi sempre perché scopriamo che le bucce di carota sono leggermente amare in un modo che toglie la dolcezza naturale di questo ortaggio a radice. Ma se le bucce non ti danno fastidio quando mangi le carote crude, allora non ti daranno fastidio quando cucini con le carote essiccate.
  4. Affettate le carote trasversalmente in cerchi dello spessore di circa 1/4 di pollice (poco meno di un centimetro). Più sottili di così e possono cadere attraverso i fori di ventilazione di alcuni vassoi dei disidratatori. Più spesso e il tempo di asciugatura è più lungo, il che significa un maggiore consumo di energia e un ridotto valore nutritivo. 1/4 di pollice o poco meno di 1 centimetro è quasi perfetto.
  5. Sbollentare le carote affettate per 2 minuti. Puoi farlo in un piroscafo o in acqua bollente. Puoi anche saltare questo passaggio, ma il tuo prodotto finale perderà il colore arancione brillante delle carote. Inoltre, la fase di scottatura rende le carote reidratarsi più velocemente quando inizi a usarle.
  6. Trascorsi i 2 minuti, mettete subito a bagno le carote sbollentate in acqua ghiacciata, oppure passatele sotto l’acqua fredda fino a quando non saranno più calde al tatto. Questo passaggio impedisce alle carote di continuare a cuocere a causa del calore residuo della scottatura.
  7. Disporre le carote sbollentate e raffreddate sui vassoi del disidratatore in modo che nessuno dei pezzi si tocchi.
  8. Impostare la temperatura del disidratatore su 125 F, o 135 F/52 C o 57 C. Tenere acceso il disidratatore finché i pezzi non sono completamente asciutti. Si sentiranno coriacee o croccanti (ecco sul lato croccante se non sei sicuro che siano abbastanza asciutti). Ci vorranno dalle 6 alle 10 ore a seconda di quanto è umida l’aria e di quanto spesse hai tagliato le carote.
  9. Spegnere l’essiccatore e lasciare raffreddare completamente le carote a temperatura ambiente prima di trasferirle nei contenitori di conservazione. Se stai usando contenitori di plastica, assicurati che siano fatti di plastica alimentare e priva di BPA. Personalmente, ci piace saltare la plastica e usare grandi vasi Mason.
  10. Coprire bene e conservare al riparo dalla luce diretta e dal calore. Quest’ultimo aspetto è importante: le carote disidratate, esposte alla luce e al calore mentre sono conservate, non solo perderanno parte del loro colore, ma perderanno anche parte del loro contenuto di vitamina A.

Suggerimenti:

Reidrata le carote essiccate versandoci sopra dell’acqua bollente e lasciandole in ammollo per 15 minuti prima di aggiungerle a zuppe e salse. Aggiunti direttamente alle zuppe, tendono a rimanere piuttosto gommosi.
Usa il liquido di ammollo come ingrediente nella zuppa o nella salsa in cui stai usando le carote. Questo liquido contiene gran parte del contenuto di tiamina, riboflavina e niacina delle carote, oltre a una buona parte del contenuto di minerali. E poi ha un buon sapore

Come essiccare le carote al forno

Questo metodo di essiccazione delle carote preserva il loro colore arancione brillante, il sapore e la maggior parte dei nutrienti senza utilizzare un disidratatore o altre attrezzature speciali. Le carote essiccate sono ottime nelle zuppe (comprese le zuppe fatte in casa), negli stufati e nei sughi per la pasta.

Inoltre occupano pochissimo spazio e non pesano quasi nulla, il che li rende molto facili da riporre!

  1. Se le carote verdi sono ancora attaccate alle carote, rimuoverle. Eliminate anche le estremità delle carote. Composta le foglie e le punte o conservale per usarle nel brodo.
  2. Pulisci le carote sotto l’acqua corrente (usa una spazzola per verdure se ne hai una). Anche se puoi scegliere di sbucciare le carote prima di asciugarle, vale la pena lavarle prima in modo che il tuo pelapatate non raccolga lo sporco e lo sparga sulle carote (dovresti lavarle comunque).
  3. Sbucciare le carote è facoltativo, ma lo facciamo quasi sempre perché troviamo che le bucce di carota sono leggermente amare in un modo che toglie la dolcezza naturale di questo ortaggio a radice. Ma se le bucce non ti danno fastidio quando mangi le carote crude, allora non ti daranno fastidio quando cucini con le carote essiccate.
  4. Affettate le carote trasversalmente in cerchi dello spessore di circa 1/4 di pollice (poco meno di un centimetro).
  5. Sbollentare le carote affettate per 2 minuti. Puoi farlo in un piroscafo o in acqua bollente. Puoi anche saltare questo passaggio, ma il tuo prodotto finale perderà il colore arancione brillante delle carote fresche. Inoltre, la fase di scottatura rende le carote reidratarsi più velocemente quando inizi a usarle.
  6. Trascorsi i 2 minuti, mettete subito a bagno le carote sbollentate in acqua ghiacciata, oppure passatele sotto l’acqua fredda fino a quando non saranno più calde al tatto. Questo passaggio impedisce alle carote di continuare a cuocere a causa del calore residuo della scottatura.
  7. Metti una griglia all’interno di una teglia. Posiziona uno schermo a rete pulito (non di plastica) o uno strato di garza sopra la griglia. Disporre le fette di carota sopra in modo che nessuno dei pezzi si tocchi.
  8. Idealmente, impostare la temperatura del forno su 125F o 135F/52C o 57C. Molti forni non vanno al di sotto di 150F/65C. Se questo è il caso del tuo forno, apri lo sportello con il manico di un cucchiaio di legno o con uno strofinaccio arrotolato. Vuoi asciugare le carote, non arrostirle.
  9. Asciugare fino a quando i pezzi non saranno completamente asciutti. Si sentiranno coriacee o croccanti (ecco sul lato croccante se non sei sicuro che siano abbastanza asciutti). Ci vorranno dalle 6 alle 8 ore.
  10. Sfornare le carote e lasciarle raffreddare completamente a temperatura ambiente prima di trasferirle nei contenitori per la conservazione. Se stai usando contenitori di plastica, assicurati che siano fatti di plastica alimentare e priva di BPA.
  11. Coprire bene e conservare al riparo dalla luce diretta e dal calore. Quest’ultimo pezzo è importante: le carote disidratate, esposte alla luce e al calore mentre sono conservate, non solo perderanno un po’ di colore, ma perderanno anche parte del loro contenuto di vitamina A.

Come reidratare le carote

Reidrata le carote essiccate versandoci sopra dell’acqua bollente e lasciandole in ammollo per 15 minuti prima di aggiungerle a zuppe e salse. Aggiunti direttamente alle zuppe, tendono a rimanere piuttosto gommosi. Usa il liquido di ammollo come ingrediente nella zuppa o nella salsa in cui stai usando le carote.

Questo liquido contiene gran parte del contenuto di tiamina, riboflavina e niacina delle carote, oltre a una buona parte del contenuto di minerali. E inoltre, ha un buon sapore.

Articolo correlato: Come conservare le carote.