Come conservare il cioccolato

Come conservare il cioccolato

Il cioccolato è un alimento goloso che può essere gustato tutto l’anno se conservato nel modo corretto. Esistono però alcuni accorgimenti importante per evitare che si deteriori o perda le sue proprietà organolettiche. Il cioccolato teme principalmente tre nemici: l’umidità, gli odori forti e le alte temperature. Per questo è sconsigliato conservarlo in frigorifero, dove potrebbe assorbire gli odori alterando il sapore.

Per una corretta conservazione è meglio scegliere un luogo asciutto, buio e con temperatura tra i 10 e i 15 gradi. In queste condizioni il cioccolato dura più a lungo: fino a un anno quello al latte, diversi anni il fondente. Il bianco invece si conserva massimo 8 mesi. Seguendo questi semplici accorgimenti, potremo gustare il cioccolato in ogni periodo dell’anno, evitando sprechi e preservandone intatte fragranza, gusto e proprietà.

Perché il cioccolato non va in frigo?

Il frigorifero non è il luogo adatto per conservare il cioccolato, anzi può danneggiarlo alterandone sapore e consistenza. Ci sono alcuni validi motivi per cui è meglio evitare di riporlo in frigo. Le basse temperature provocano la formazione di condensa e di aloni biancastri sulla superficie del cioccolato, dette efflorescenze. Questo ne rovina l’aspetto rendendolo poco invitante.

Inoltre, in frigo tende ad assorbire rapidamente gli odori degli altri alimenti conservati, andando ad alterarne il gusto. Infine, il cioccolato per esprimere al meglio aromi e fragranza va gustato a temperatura ambiente e non freddo di frigorifero. Per tutti questi motivi è sconsigliabile riporlo in frigorifero e meglio conservarlo in un luogo asciutto e fresco.

Cosa fare per non far venire la patina bianca sul cioccolato?

La comparsa di una patina biancastra sulla superficie del cioccolato, detta anche fioritura, è causata da un eccesso di umidità durante la conservazione. Per evitare che si formi questo antiestetico effetto, è molto importante rispettare alcune accortezze:

  • Conservare il cioccolato in un ambiente secco, con un’umidità non superiore al 55%.
  • Riporlo in contenitori o involucri che lo isolino bene dall’aria.
  • Evitare gli sbalzi termici, che aumentano il rischio di condensa.
  • Non mettere il cioccolato in frigorifero.

Seguendo questi semplici consigli e mantenendo sotto controllo il tasso di umidità, si può impedire l’insorgere della fastidiosa patina bianca che rovina l’aspetto del cioccolato.

Dove si conserva il cioccolato?

Va conservato in un luogo asciutto e buio, con una temperatura compresa tra i 13 e i 18°C. L’ideale è riporlo in un ambiente con temperatura controllata tra i 15 e i 16°C, come ad esempio una dispensa. Anche la cantina può andare bene, purché non sia umida.

L’importante è che non sia esposto a fonti di calore né alla luce diretta del sole, che potrebbero causarne l’annerimento o lo scioglimento. In casa, se non abbiamo una dispensa o cantina con le giuste caratteristiche, possiamo conservare il cioccolato in un mobile della cucina, lontano da fornelli e altre fonti di calore. L’obiettivo è garantire condizioni fresche e asciutte.

Quanto dura il cioccolato aperto?

Il cioccolato, una volta aperto, ha una durata che cambia in base alla tipologia:

  • Il cioccolato fondente si conserva molto bene, mantenendo inalterate le sue proprietà anche per diversi anni se tenuto in condizioni ottimali di temperatura e umidità.
  • Il cioccolato al latte ha una durata inferiore, stimata intorno ai 12 mesi dall’apertura della confezione.
  • Il cioccolato bianco è quello che si conserva per meno tempo: la sua shelf life dopo l’apertura è di circa 8-10 mesi.
  • Per gianduia, creme spalmabili e tavolette ripiene, la durata è di 6-8 mesi.

In generale, è bene conservare sempre il cioccolato aperto in un luogo asciutto e fresco, lontano da fonti di calore.

Come conservare il cioccolato in freezer?

Il congelatore è un’ottima soluzione per conservare a lungo grandi quantità di cioccolato senza farlo deperire. Prima di congelarlo, è bene avvolgere accuratamente la tavoletta o le barrette in un foglio di alluminio oppure riporle in un contenitore ermetico. Questo impedisce al cioccolato di assorbire gli odori del freezer o disidratarsi. I contenitori in plastica vanno bene, purché siano specifici per il congelamento. Attenzione invece ai contenitori in vetro, che potrebbero rompersi.

Congelato in questo modo, si conserva perfettamente per molti mesi. Quando lo si scongela, riacquista la sua consistenza e fragranza originali. Il freezer è quindi un’ottima soluzione per non sprecare il cioccolato o averlo sempre pronto all’uso. Basta scongelarlo lentamente prima di consumarlo.

Come scongelare il cioccolato?

Il metodo migliore è lasciarlo scongelare lentamente a temperatura ambiente, senza esporlo a fonti di calore dirette. Posizionarlo congelato su un piano della cucina lontano da fornelli o termosifoni, e lasciatelo scongelare lentamente.

Potete anche scongelare il cioccolato in frigorifero, sempre evitando però il contatto diretto con altri alimenti. In questo caso, basteranno circa 60-90 minuti. L’importante è non utilizzare il forno a microonde o immergere il cioccolato in acqua calda, perché il brusco sbalzo termico ne comprometterebbe la struttura, causando la perdita di lucidità e cremosità.

Come capire se il cioccolato conservato è andato a male?

Non è sempre facile capire se il cioccolato che abbiamo conservato è andato a male. Tuttavia ci sono alcuni campanelli d’allarme da tenere d’occhio:

  • Presenza di muffa, patina bianca o macchie colorate sulla superficie.
  • Consistenza molliccia, rammollita o untuosa insolita.
  • Aspetto opaco e perdita della naturale lucidità.
  • Profumo alterato, sapore acidulo o amarognolo.

Se il cioccolato mantiene il suo tipico colore brillante, la consistenza compatta e l’aroma intenso, significa che si è conservato bene ed è ancora commestibile. Ma se notiamo uno o più dei difetti sopraelencati è meglio non rischiare e scartare il cioccolato deteriorato. Una corretta conservazione ci permette di gustarlo a lungo.

Letture correlate:

Preferenze Privacy