Foglie di pomodoro arricciate

Se le foglie delle tue piante da orto sono attorcigliate o arricciate, il problema potrebbe essere ambientale, chimico o biologico. A volte tutte le foglie di una pianta sono attorcigliate o arricciate; a volte solo la nuova crescita ha sintomi mentre le foglie più vecchie sono normali.

Il danno può iniziare moderatamente, quindi iniziare rapidamente a influenzare una nuova crescita. I danni al pomodoro e ad altre piante orticole possono avere una o una combinazione di cause.

Ci sono cinque ragioni principali per cui le foglie di pomodoro si attorcigliano o si arricciano:

  • Danno da vento
  • Deriva erbicida
  • Residui di erbicida
  • Acaro largo
  • Virus del pomodoro

Danno da vento

I venti forti, la polvere che soffia e la bassa umidità possono danneggiare le foglie e gli steli delle piante di pomodoro. La lesione è simile ed è spesso confusa con il danno dovuto alla deriva da erbicidi di tipo fenossi. Il calore e la bassa umidità possono far morire i bordi delle foglie di pomodoro, quindi attorcigliarsi e arricciarsi.

Il clima caldo e secco può anche causare un sintomo chiamato rollio fisiologico delle foglie. Questa è una risposta di autodifesa, in cui foglie e foglioline si arricciano leggermente per prevenire ulteriori perdite d’acqua. Un leggero involtino di foglie generalmente non riduce i raccolti o la qualità, anche se sintomi gravi possono causare la caduta dei fiori e l’allegagione di un minor numero di frutti.

Questi sintomi possono sembrare danni causati da altre cause, ma se il danno del vento è l’unico problema, la salute delle piante generalmente si normalizzerà una volta che le condizioni meteorologiche migliorano.

Deriva erbicida

Le colture e i pascoli sono spesso trattati con erbicidi per prevenire o eliminare le erbacce e gli spray alla deriva possono danneggiare le piante di pomodoro. Fino all’84% della superficie di cotone in Texas viene irrorata con erbicidi ad ampio spettro. Sono utilizzati anche su colture di cereali e cereali. Il problema è che velocità del vento a partire da 5 mph possono spostare questi erbicidi fino a un miglio.

Le piante di pomodoro sono estremamente sensibili ai erbicidi: possono essere danneggiate da concentrazioni fino a 0,1 ppm. Se solo una piccola parte dell’erbicida raggiunge le piante di pomodoro, possono riprendersi, ma la resa ne risentirà sicuramente.

Per ridurre al minimo la deriva dell’erbicida, attenersi alla seguente procedura:

  • leggere e seguire sempre le istruzioni sull’etichetta dell’erbicida
  • evitare di spruzzare quando la velocità del vento è superiore a 5 mph
  • evitare di spruzzare quando il vento soffia verso colture sensibili
  • utilizzare uno spruzzatore con cappuccio quando si applicano erbicidi post-emergenza vicino a piante in crescita
  • ridurre la pressione di spruzzatura in modo che la dimensione delle goccioline sia maggiore e abbia meno probabilità di muoversi con i venti
  • ridurre la velocità di applicazione dello spray per evitare il movimento dell’aria di ricircolo
  • assicurarsi che il dosaggio applicato sia corretto
  • utilizzare gli ugelli/puntali di spruzzatura corretti per la sostanza chimica da applicare
  • utilizzare additivi spray riduttori di deriva, se disponibili
  • lavare via tutto l’erbicida precedente dall’interno del serbatoio di spruzzatura

Residui di erbicida

Le verdure possono essere danneggiate dagli erbicidi lasciati nel pacciame o nel compost prodotto con fieno o letame proveniente da campi che sono stati irrorati con Grazon, GrazonNext o GrazonNext HL.

Il principio attivo di questi prodotti è l’aminopiralide che persiste per 18 mesi sul fieno e sui prodotti a base di fieno trattati. Persiste anche nel letame degli animali che mangiano fieno trattato con Grazon. I prodotti Grazon sono comunemente usati nei pascoli perché uccidono circa 100 erbacce a foglia larga difficili.

Ulteriori restrizioni nell’uso di fieno e letame:

  • Non utilizzare residui vegetali trattati con aminopiralidi, inclusi fieno o paglia provenienti da aree trattate nei 18 mesi precedenti, in compost, pacciame o uova di funghi.
  • Nel compost, nel pacciame o nelle uova di funghi, non utilizzare il letame di animali che hanno mangiato foraggio o fieno dalle aree trattate nei 3 giorni precedenti.
  • Non piantare colture di latifoglie (compresi soia, girasole, tabacco, ortaggi, favette, arachidi e patate) in campi trattati l’anno precedente con letame di animali che hanno pascolato foraggio o mangiato fieno raccolto da aree trattate con aminopiralidi fino a quando non è stato adeguatamente viene condotto un saggio biologico in campo sensibile per determinare che la quantità di residui di aminopiralidi nel terreno non danneggerà il raccolto da piantare.
  • Per favorire la decomposizione degli erbicidi, bruciare i residui vegetali o incorporarli uniformemente nel terreno. L’aminopiralide si scompone più velocemente nei residui vegetali e nel letame quando il terreno è caldo e umido. L’irrigazione può accelerare il processo.

Danno da acari

Gli acari larghi (Polyphagotarsonemus latus) colpiscono molte famiglie di piante, tra cui pomodoro, peperone, melanzana, patata, cotone e agrumi. Attacca anche piante ornamentali come dalia, zinnia, crisantemo, pitosforo e schefflera che vengono coltivate all’ombra. Gli acari larghi evitano la luce e si nutrono di foglie e fiori giovani. Mentre si nutrono, iniettano tossine che attorcigliano gravemente e distorcono le foglie.

Il danno può assomigliare ad altri tipi di danni sulle piante di pomodoro. Gravi infestazioni di acari possono far sembrare la parte inferiore delle foglie e dei frutti abbronzata o rugginosa.

Questi acari sono invisibili all’occhio umano e possono essere trascurati anche sotto una lente d’ingrandimento. Di solito vengono scoperti solo dopo che il danno alle piante è evidente. Gli acari larghi sono lunghi da 0,10 a 0,30 millimetri, hanno corpi ovali e possono essere da traslucidi a marrone chiaro o giallo.

Virus del pomodoro

Centinaia di virus possono causare l’arricciamento delle foglie e l’arresto della crescita nei pomodori. Sebbene i sintomi iniziali del virus possano essere confusi con un danno da erbicida a base di fenossi, la malattia spesso progredisce fino a includere motivi a mosaico giallo-verde sulle foglie.

I virus nel gruppo dei geminivirus sono spesso i colpevoli della torsione delle foglie nei pomodori a base di virus.

I Geminivirus si diffondono ai pomodori e ad altre piante esclusivamente dalla patata dolce o dalla mosca bianca (Bemisia tabaci). Per ridurre la diffusione di questo virus, gestisci le popolazioni di mosche bianche con oli e saponi insetticidi.

Questo gruppo include anche altri virus:

  • il virus dell’arricciatura delle foglie gialle del pomodoro
  • virus del chino del pomodoro
  • virus della deformazione delle foglie di pomodoro
  • virus huasteco del pepe
  • virus del mosaico giallo della patata
  • Virus dell’arricciatura delle foglie del pomodoro Sinaloa
  • Virus del pepe del Texas
  • virus del mosaico giallo del pomodoro
  • virus della striscia gialla del pomodoro

Sono state sviluppate nuove varietà di pomodori che resistono all’arricciatura delle foglie gialle del pomodoro. Tuttavia, queste varietà sono ancora suscettibili ad altre malattie virali. Come per qualsiasi danno alle foglie di pomodoro, è necessario identificare la causa prima di prendere qualsiasi decisione gestionale.

Foglie di pomodoro arricciate: Conclusioni

La chiave per risolvere il problema delle foglie attorcigliate o arricciate è identificare la fonte o le fonti del problema. I danni del vento si risolveranno una volta che le condizioni migliorano. Acari e virus possono essere identificati mediante analisi di laboratorio.

I danni causati dalla deriva o dai residui di erbicida nel pacciame e nel compost sono i più difficili da identificare. Indipendentemente dalla causa, le foglie arricciate o attorcigliate su pomodori o altre verdure sono un segno che potrebbe essere necessario agire per salvare il raccolto.

Leggi anche: Come irrigare l’orto.