Cucina a rifiuti zero

Che cos’è la cucina a rifiuti zero e come si fa?

Per molte persone, cucinare, mangiare e condividere i pasti con i propri cari sono alcuni dei più grandi piaceri della vita.

Eppure, per quelli di noi che si preoccupano della salute del pianeta, cucinare e mangiare non sono senza problemi. La quantità di rifiuti creata dalla produzione e preparazione degli alimenti è uno dei maggiori problemi che devono affrontare la sostenibilità del nostro sistema alimentare.

Allo stesso tempo, sono in aumento le soluzioni creative allo spreco alimentare. Attraverso gli sforzi per compostare gli avanzi di cibo ed eliminare la plastica monouso, ristoranti, chef e organizzazioni per la sostenibilità stanno sperimentando nuovi modi per ridurre gli sprechi alimentari.

Cucinare a zero sprechi è un’azione che puoi fare anche a casa tua. Con un po’ di pianificazione e pratica, puoi ridurre gli sprechi dei tuoi pasti e avere una cucina più sostenibile.

Questo articolo spiega cos’è la cucina a spreco zero e come iniziare.

Cos’è lo zero rifiuti?

L’idea di cucinare senza sprechi è letterale quanto sembra: significa cercare di lasciare il minor numero possibile di rifiuti di cibo e imballaggi quando si cucina e si mangia.

Uno stile di vita a rifiuti zero può estendersi anche oltre la cucina. Alcune persone applicano concetti di riduzione dei rifiuti simili a vestiti, prodotti di bellezza e benessere e altro ancora.

Un modo per pensare alla cucina senza sprechi è in termini del vecchio detto “ridurre, riutilizzare, riciclare”. Implica quanto segue:

  • Ridurre. Usa meno – o fai a meno – di ingredienti non necessari. Cuocere porzioni più piccole per evitare avanzi eccessivi.
  • Riutilizzo. Riutilizza gli avanzi di cibo invece di buttarli via. Utilizzare contenitori riutilizzabili per acquistare alimenti sfusi .
  • Riciclare. Composta gli avanzi di cibo. Acquista cibo da organizzazioni di soccorso alimentare che garantiscono che i prodotti agricoli non vadano sprecati.

Questi sono solo alcuni dei passaggi che potresti fare in una cucina a rifiuti zero.

Cucina a rifiuti zero: È davvero possibile?

Potrebbe non essere sempre possibile eliminare fino all’ultimo spreco dai tuoi pasti. La struttura del nostro attuale approvvigionamento alimentare e l’abbondanza di alimenti trasformati rendono questo compito incredibilmente difficile.

Gli oppositori dello zero rifiuti sostengono addirittura che questo stile di vita non sia realistico.

Ritengono che, poiché una certa quantità di rifiuti è un sottoprodotto necessario dell’economia e del consumo umano, sia meglio concentrarsi sulla gestione efficiente dei rifiuti invece di cercare di eliminarli completamente.

Queste argomentazioni potrebbero sembrare convincenti in superficie, ma la verità è che lavorare per uno stile di vita a rifiuti zero non significa essere perfetti, nessuno di noi lo è. Pochissime persone sono in grado di eliminare completamente i rifiuti dalle loro vite.

Piuttosto, la cucina a spreco zero fa parte di un movimento più ampio per vivere in modo sostenibile e ridurre il proprio impatto sul pianeta . Si tratta di fare il meglio che puoi con le risorse che hai a disposizione.

Riepilogo:

Ci sono molti modi per vivere uno stile di vita a rifiuti zero. Cucinare senza sprechi è una strada che chef, buongustai, famiglie e individui usano allo stesso modo per ridurre l’impatto ambientale della preparazione e del consumo di cibo.

Quali sono i vantaggi?

Una delle cose che preferisco della cucina a rifiuti zero è che sembra una decisione che avvantaggia così tante persone e luoghi: la mia famiglia, gli altri nella nostra comunità e il pianeta.

Ho notato che può anche aiutare il tuo portafoglio poiché fai di più in cucina con meno. Ridurre gli sprechi potrebbe significare rinunciare ad alcune cose di cui puoi fare a meno o preparare i piatti da solo invece di acquistarli preconfezionati, il che può farti risparmiare denaro.

Inoltre, la cucina senza sprechi può essere creativa, sperimentale e decisamente divertente, anche se, alla fine, il motivo principale per cui così tante persone stanno provando la cucina senza sprechi è perché è un modo semplice per ridurre il proprio impatto ambientale.

Riduce lo spreco alimentare

Le attuali stime di quanto cibo va sprecato ogni anno sono sbalorditive.

Sebbene sia difficile individuare un numero esatto, i ricercatori ritengono che le aziende e gli individui insieme buttino via fino al 25-40% di tutto il cibo prodotto negli Stati Uniti ogni anno.

Si tratta di quasi 133 miliardi di libbre (60,3 miliardi di kg) di cibo, per un valore di 161 miliardi di dollari.

In alcuni casi, un singolo individuo potrebbe sprecare fino a 660 libbre (300 kg) di cibo nel corso di 1 anno.

Riutilizzando gli avanzi di cibo, facendo del tuo meglio per non lasciare che il cibo si deteriori e acquistando solo quanto necessario, puoi ridurre i tuoi sprechi alimentari.

Riduce l’uso di plastica e imballaggi

La cottura a spreco zero riduce anche gli sprechi degli imballaggi alimentari e dei contenitori di servizio, comprese le scatole da asporto.

Inoltre, molti più rifiuti degli imballaggi alimentari non vengono contabilizzati come rifiuti che inquinano strade e corsi d’acqua.

La cottura a zero sprechi riduce il confezionamento degli alimenti attraverso tattiche come l’utilizzo di contenitori riutilizzabili per l’acquisto sfuso, la conservazione degli alimenti, l’utilizzo di meno ingredienti e la preparazione della maggior parte dei pasti a casa.

Riepilogo:

Cucinare senza sprechi non è solo divertente e parsimonioso, ma avvantaggia anche il pianeta riducendo gli sprechi alimentari e la dipendenza da contenitori da asporto monouso e imballaggi usa e getta.

Cucinare a zero rifiuti fa bene alla salute?

La vita a rifiuti zero è un concetto che ha preso forma negli ultimi 40 anni circa.

Sebbene nessuna prova scientifica colleghi direttamente la cucina senza sprechi a migliori risultati per la salute umana, può giovare alla salute in diversi modi.

Aiuta la salute ambientale

Quando buttiamo via il cibo, non solo si spreca il cibo stesso, ma anche l’abbondanza di risorse – tra cui acqua, energia, terra e lavoro – che sono state utilizzate per coltivare, preparare e distribuire il cibo.

Il cibo sprecato è anche un importante contributo alle emissioni di gas serra. Questi gas assorbono il calore e lo intrappolano nell’atmosfera, il che porta al riscaldamento globale .

Quando il cibo marcisce nelle discariche, rilascia metano, un potente gas serra ancora più forte dell’anidride carbonica.

Il sistema alimentare nel suo insieme contribuisce per quasi il 13% a tutte le emissioni di gas serra ogni anno. Il cibo sprecato, quello che si deteriora o viene buttato via, rappresenta quasi l’8% dei gas.

Pertanto, meno spreco alimentare significa meno emissioni di gas serra e un pianeta più sano per tutti.

Può migliorare l’assunzione di nutrienti da parte delle persone

Meno spreco di cibo significa anche più cibo da portare in giro per gli altri.

Alcuni chef e imprenditori concentrano i loro sforzi a zero sprechi sul salvataggio di cibo che altrimenti andrebbe sprecato e ridistribuendolo alle persone nella loro comunità che hanno bisogno o vogliono semplicemente assicurarsi che il buon cibo non venga sprecato.

A causa della loro natura deperibile, molti frutti e verdure nutrienti si deteriorano prima di poter essere mangiati.

Garantire che questi alimenti ricchi di nutrienti vengano mangiati anziché scartati può aiutare gli altri ad aumentare l’assunzione di nutrienti benefici per la salute come vitamine e minerali.

Inoltre, evitando contenitori e imballaggi per alimenti, puoi ridurre l’esposizione a sostanze chimiche nocive utilizzate per produrre plastica e altri materiali per uso alimentare.

Come iniziare a cucinare senza sprechi

Ci sono molti modi per praticare la cucina a spreco zero.

Ognuno di noi vive e mangia in circostanze uniche. Abbiamo accesso a vari tipi di cucine e attrezzature da cucina, mangiamo a orari diversi e potremmo avere esigenze e preferenze dietetiche da considerare.

Pertanto, i tuoi metodi di cottura a zero rifiuti probabilmente non saranno gli stessi degli altri. C’è da aspettarselo e persino celebrato, poiché ognuno ha i propri modi per ridurre gli sprechi.

Ecco 6 tecniche di cottura comuni a zero sprechi, anche se ne esistono molte di più. Potresti anche sviluppare le tue idee dopo aver acquisito familiarità con le basi.

Organizza i tuoi pasti

Nella mia esperienza, pianificare i miei pasti è il passo più importante per mantenere una cucina a zero rifiuti.

Pianificare i pasti non significa solo decidere cosa mangerete durante la settimana, ma significa anche pensare a come e quando preparerete i pasti, nonché agli ingredienti di cui avrete bisogno.

Molte persone pianificano un’intera settimana di pasti o più invece di un giorno, anche se l’intervallo di tempo esatto varia da persona a persona.

Alcune cose da considerare quando si pianificano pasti a spreco zero sono:

  • cibo deperibile sugli scaffali che deve essere utilizzato al più presto
  • ricette che utilizzano cibi che puoi acquistare sfuso
  • come utilizzare gli stessi ingredienti in più pasti
  • ricette che non richiedono ingredienti oscuri che potresti non utilizzare di nuovo
  • quale porzione è gestibile per la tua famiglia
  • quanto tempo conserveranno gli avanzi

Pensaci due volte quando mangi fuori

Sapere cosa prevedi di mangiare riduce le tue possibilità di ordinare da asporto, che di solito viene fornito in contenitori usa e getta e porta facilmente allo spreco di cibo da porzioni extra-grandi.

Milioni di tonnellate di imballaggi in carta, plastica e vetro finiscono nelle discariche ogni anno. Sebbene non tutto ciò provenga dai pasti da asporto e al ristorante, sono certamente grandi contributori. Circa il 45% dei materiali nelle discariche proviene da rifiuti alimentari e imballaggi alimentari ( 5 , 9 ).

Questo non vuol dire che non puoi mai ordinare da asporto mentre pratichi uno stile di vita a rifiuti zero.

Al giorno d’oggi, gli impegni, i momenti sociali con la famiglia o gli amici o il desiderio di supportare il tuo ristorante preferito sono tutti motivi comuni per ordinare o uscire a mangiare.

Con alcune piccole modifiche, puoi goderti l’asporto occasionale riducendo al minimo gli sprechi. Questi includono:

  • essere consapevoli delle dimensioni delle porzioni
  • ordinare piatti che non ti lasceranno avanzi
  • scegliendo ristoranti che offrono contenitori da asporto compostabili o biodegradabili
  • alla ricerca di ristoranti che supportino gli sforzi a zero rifiuti, come le donazioni di cibo
  • ordinare direttamente da un ristorante piuttosto che un servizio di consegna pasti
  • portando i tuoi contenitori riutilizzabili da portare con te
  • utensili, borse e cannucce di plastica in declino

Riproponi ciò che puoi

Trovare modi per riutilizzare gli avanzi, gli avanzi e le parti trascurate di frutta e verdura, come gambi o bucce, può essere una delle parti più eccitanti della cucina senza sprechi. Nella mia esperienza, è il passaggio che lascia più spazio alla creatività culinaria.

All’inizio può essere scoraggiante, ma una grande componente della cucina a spreco zero sta sperimentando. Più lavori con il riutilizzo degli alimenti, più diventerai sicuro.

Inoltre, puoi riutilizzare gli avanzi di cibo in un numero infinito di modi. Eccone alcuni:

  • Soffriggere o fare il pesto con foglie e gambi di verdure.
  • Usa gli avanzi di ossa, carne e verdure per fare il brodo .
  • Congelare le croste di formaggio e usarle per insaporire le zuppe.
  • Spremere gli avanzi di frutta e verdura.
  • Condire e arrostire i semi di zucca.
  • Ripianta le radici o i ritagli di cipolle, sedano, lattuga e altre verdure che puoi far ricrescere.
  • Usa fondi di caffè e gusci d’uovo per il fertilizzante del giardino.
  • Usa le bucce di frutta per infondere oli, aceti e amari.

Compost ciò che non puoi riutilizzare

Il compostaggio è un processo mediante il quale la materia organica naturale viene trasformata in terreno ricco di sostanze nutritive. È anche un ottimo modo per tenere gli avanzi di cibo fuori dalle discariche.

Tutto ciò che serve per iniziare è un bidone del compost o un’area nel tuo cortile dove puoi smaltire gli avanzi.

Il compostaggio è un ottimo modo per riciclare gli avanzi ( 10 ):

  • frutta e verdura
  • gusci d’uovo
  • fondi di caffè
  • bustine di te

Tuttavia, non tutti gli scarti possono essere compostati. Se sei preoccupato che roditori o mosche entrino nel tuo cumulo di compost, evita di aggiungere cibi come ( 10 ):

  • latticini
  • carni
  • ossatura
  • oli e altri grassi

Fai acquisti pensando alla cucina senza sprechi

Quando ho iniziato a provare a cucinare senza sprechi, ho imparato che è importante entrare nella giusta mentalità prima di mettere piede in cucina. In altre parole, gran parte della cucina senza sprechi inizia davvero con la pianificazione e lo shopping.

Prendere decisioni ponderate in negozio ha tanto impatto sui rifiuti quanto le decisioni che prendi a casa.

Alcuni semplici modi per acquistare a zero rifiuti includono:

  • portando le tue valigie
  • acquisto all’ingrosso quando possibile
  • evitando articoli con imballaggi non necessari

Prestare molta attenzione alle date di scadenza e stimare la durata di conservazione di qualsiasi alimento deperibile che prevedi di acquistare è altrettanto importante.

Puoi anche cercare organizzazioni di soccorso alimentare nella tua comunità. I gruppi di soccorso alimentare lavorano con agricoltori , distributori e negozi di alimentari per salvare il cibo che altrimenti verrebbe buttato via, ridistribuendolo invece a costi accessibili.

Conservare gli alimenti per la massima durata

Anche se abbiamo intenzione di mangiare il cibo che compriamo, a volte inevitabilmente si deteriora stando seduti sul bancone o sul retro del frigorifero. Ci siamo stati tutti prima.

Può sembrare semplice, ma conservare correttamente il cibo è un modo spesso trascurato per prolungare la durata di conservazione degli alimenti deperibili.

Per conservare correttamente il cibo, tieni il frigorifero e i ripiani puliti in modo che siano privi di batteri o altri microbi che potrebbero far marcire più rapidamente il cibo. Se noti che il cibo inizia a deteriorarsi, separalo immediatamente dal resto del cibo in modo che i batteri non si diffondano.

Potrebbe anche essere meglio andare avanti e mangiare cibo che sembra non durerà a lungo.

Tuttavia, se il cibo è diventato ammuffito, è diventato molliccio o ha iniziato a puzzare, non dovresti mangiarlo. Anche in una cucina a rifiuti zero, è meglio compostare o riutilizzare ciò che puoi piuttosto che rischiare di ammalarti mangiando cibo avariato.

Se il tuo frigorifero ha cassetti per frutta e verdura con umidità controllata, conservare gli alimenti nell’apposito cassetto è una buona idea. Puoi anche conservare gli alimenti che potresti non usare molto spesso, come farina o noci per la cottura, in frigorifero o nel congelatore per prolungarne la freschezza.

Conserva i tuoi cibi

Conservare gli alimenti che potrebbero deteriorarsi presto, o di cui hai troppo all’inizio, è un modo collaudato per far durare più a lungo il cibo.

I tipi più comuni di conserve fatte in casa sono:

  • Congelamento: frutta, verdura, carne, pane, ecc.
  • Decapaggio: cetrioli, carote, fagiolini, zucca, ecc.
  • Conserve: marmellate, gelatine, salsa di mele, salsa di pomodoro, mais, mele, pesche, ecc.
  • Disidratante: frutta, verdura, legumi, cereali, carni, ecc.

Cucina a rifiuti zero: Conclusioni

Ridurre gli sprechi generati da pasti e spuntini è un ottimo modo per ridurre l’impronta ambientale e sostenere una buona salute e un corretto apporto nutrizionale.

Puoi iniziare con piccoli cambiamenti come acquistare cibi sfusi, portare le tue borse al negozio e mangiare tutti gli avanzi.

Questa è solo la punta dell’iceberg, poiché la cucina a zero rifiuti comprende un’ampia serie di sforzi per la sostenibilità che possono essere semplici o complessi come desideri.

Articolo correlato: Metodi di conservazione degli alimenti.

Leave a comment