Come conservare l’acqua

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Come conservare l'acqua per bere o cucinare

Conservare l’acqua per un’emergenza è semplice, soprattutto quando l’acqua non è contaminata. Ecco alcune linee guida per la corretta conservazione dell’acqua. Sebbene l’acqua non “vada a male” nello stesso modo del cibo (qui trovi la categoria per la conservazione del cibo), può generare batteri nocivi se non la purifichi o non la conservi in ​​condizioni di sicurezza. L’altro rischio è la contaminazione chimica, sia da determinati tipi di contenitori di plastica (qui un approfondimento), sia da vapori chimici che passano attraverso le pareti dei contenitori dell’acqua.

Come conservare l'acqua e quanta ne devo stoccare?

Le linee guida standard di emergenza suggeriscono di conservare un litro di acqua al giorno per ogni persona della tua famiglia per un periodo da tre giorni a due settimane. In genere, una persona normalmente attiva ha bisogno di bere almeno due litri di acqua ogni giorno (leggiamo i consigli del ministero della salute).

Tieni presente che devi considerare le esigenze e le abitudini dei tuoi familiari. Dovrai decidere la quantità effettiva di acqua che immagazzini per un’emergenza. Lo spazio di archiviazione e la situazione individuale potrebbero essere tali da dover archiviare meno o più di quanto raccomandato dalle linee guida. Ricorda, potresti adattare le tue normali abitudini per superare il periodo di emergenza.

Linee guida per lo stoccaggio dell'acqua

4 litri di acqua per persona al giorno

Fornitura per 3 giorni x 1 persona = 12 litri

14 giorni (fornitura per 2 settimane) x 1 persona = 224 litri

(numero di giorni di acqua necessari) x (numero di persone in casa) = litri da conservare

Come posso conservare l'acqua potabile?

Dopo aver calcolato sulla base delle linee guida esposte nel paragrafo precedente, è opportuno lavorare sulla corretta conservazione dell’acqua potabile, dunque:

Metodo A

Se l’acqua proviene da un fornitore di acqua pubblica o è disinfettata, puoi conservarla in bottiglie di soda pulite o bottiglie del latte con tappo a vite. Segui le indicazioni di seguito.

  1. Lavare accuratamente le bottiglie di plastica per bibite o le brocche del latte con acqua calda e sapone. Utilizzare contenitori con coperchi a vite. Igienizza il contenitore mettendo un cucchiaino di candeggina liquida per uso domestico (ipoclorito di sodio al 5,25%) in un litro d’acqua. Versare questa soluzione nel contenitore e lasciarla lì per due minuti. Versare la soluzione igienizzante dal contenitore. Risciacquare il contenitore con acqua potabile (adatta per bere).
  2. Riempi bottiglie o brocche direttamente dal rubinetto. Tappare bene ed etichettare ogni contenitore con le parole “Acqua potabile” e la data di conservazione.
  3. Conservare i contenitori sigillati in un luogo buio, asciutto e fresco.
  4. Se dopo sei mesi non hai utilizzato l’acqua immagazzinata ( se hai un piccolo orto o delle piante in vasi, utilizza l’acqua per annaffiare ), svuotala dai contenitori e ripeti i passaggi da 1 a 3 sopra.

Metodo B

Se la tua attuale fonte d’acqua è contaminata o non desideri preparare la tua acqua per la conservazione, acquista acqua in bottiglia da un negozio. L’acqua in bottiglia è disponibile nei discount locali o nei negozi di alimentari. Acquista contenitori da un 1,5 litri (o più grandi) di acqua in bottiglia.  

Solo per acqua contaminata

L’acqua proveniente da una fonte contaminata deve essere disinfettata o purificata prima dell’uso. Di seguito vengono descritti due metodi per purificare l’acqua. Se l’acqua contaminata contiene particelle visibili, lasciare che le particelle si depositino prima sul fondo, quindi filtrare l’acqua attraverso panni puliti o strati di carta assorbente prima della disinfezione. L’acqua non può essere disinfettata a meno che le particelle non vengano prima rimosse mediante filtrazione.

Metodo di ebollizione

L’ebollizione è un buon modo per purificare l’acqua. Porta l’acqua a ebollizione per 1 o 3 minuti. Dopo che l’acqua si è raffreddata, riempire contenitori puliti come indicato nel metodo A. (l’acqua bollita avrà un sapore migliore se si reinserisce l’ossigeno prima di bere. Per ripristinare l’ossigeno, versare l’acqua avanti e indietro tra due contenitori puliti più volte).

Metodo con candeggina

La candeggina liquida domestica normale contiene un composto (ipoclorito di sodio al 5,25%) che disinfetterà l’acqua. Non utilizzare candeggine profumate, che non si contaminano o che contengono detergenti aggiunti.

Utilizzare una normale candeggina liquida contenente ipoclorito al 5,25%. Aggiungere 16 gocce (circa ¼ di cucchiaino) per litro d’acqua.

L’acqua trattata deve essere miscelata accuratamente e lasciata riposare per 30 minuti prima dell’uso. L’acqua dovrebbe avere un leggero odore di candeggina. In caso contrario, ripetere il dosaggio e lasciare riposare l’acqua per altri 15 minuti prima dell’uso. Riempire contenitori puliti e conservare come descritto nel Metodo A. E’ bene ricordare, che se stai conservando l’acqua proveniente dal rubinetto di casa, puoi non utilizzare il metodo della candeggina. Questo perché l’acqua distribuita dal fornitore locale (ad esempio ACEA), trattano l’acqua con il cloro, dunque è già igienizzata.

Domande comuni sullo stoccaggio dell'acqua

In questo paragrafo è possibile leggere le domande più comuni che possono essere fatte sulla corretta conservazione dell’acqua potabile. Le domande e le relative risposte che troverai in questa sezione, devono essere considerate come informazioni utili, da non confondere come verità assoluta. Il consiglio è sempre quello di rivolgersi ad esperti del settore per avere riposte “certificate” da fonti attendibili. Per ogni approfondimento in merito alla questione, è bene leggere fonti governative.

Devo trattare la mia acqua con il cloro prima di conservarla?

Alcuni siti consigliano di trattare l’acqua con il cloro prima di sigillare il contenitore di conservazione. Ma se stai usando l’acqua del rubinetto della tua città per riempire la tua riserva d’acqua, non è necessario. L’acqua del rubinetto è già stata trattata con il cloro. Se chiudi correttamente la bottiglia o il fusto, non dovresti preoccuparti della crescita di batteri o alghe. Se arriva il giorno in cui devi aprire la tua fonte d’acqua e sei preoccupato per la contaminazione, sentiti libero di aggiungere il cloro. La quantità corretta è 1/8 cucchiaino di cloro per litro d’acqua.

Devo far bollire la mia acqua immagazzinata prima di berla?

Se hai motivo di credere che la tua acqua sia stata contaminata, fallo bollire. In caso contrario, non farlo. È uno spreco di risorse energetiche.

Perché l'acqua immagazzinata ha un sapore strano? È contaminato?

L’acqua immagazzinata avrà spesso un sapore piatto e strano perché non contiene ossigeno. Per sbarazzarti di quello strano sapore di acqua immagazzinata, fai scorrere l’acqua intorno alla tazza un paio di volte prima di bere.

Iscriviti e ricevi in anteprima offerte su tantissimi prodotti

Iscrivendoti accetti la nostra politica sulla privacy.

Conservare i muffin per tenerli freschi più a lungo Contenuti dell’articolo Hai mai raggiunto un contenitore di muffin avanzati, desideroso dei soffici bocconcini di gioia della colazione che aspettano, solo per scoprire che l’esterno dei muffin è diventato spiacevolmente…
4 modi interessanti per conservare il timo fresco Il timo è un’erba culinaria che ha un sapore altrettanto eccezionale sia essiccato che raccolto direttamente dal giardino, e la domanda nasce spontanea, come conservare il timo?. È anche un’erba che…
Non sai come conservare la ricotta o quanto dura? Sei nel posto giusto. In questo articolo parliamo di ricotta: pratiche di conservazione, durata di conservazione e segni di deterioramento. Se hai bisogno di imparare qualcosa su qualcuno di questi, continua…
Come conservare il cavolfiore correttamente Contenuti dell’articolo Tra i cavoli il cavolfiore è quello comunemente più usato e conosciuto in Italia, è possibile trovarlo in abbondanza nel suo periodo di raccolta, ovvero, nel periodo invernale. Il cavolfiore è molto…
Come conservare il pesto di basilico raccolto nel tuo orto più a lungo possibile Come conservare il pesto di basilico fresco fatto crescere sul balcone, terrazzo o giardino di casa? Il basilico è una delle erbe più facili da…
Come congelare le castagne fresche Contenuti dell’articolo Ti stai chiedendo come congelare le castagne o anche se possono essere congelate? La risposta è sì, possono essere congelati, ma possono alterare il sapore. Le seguenti informazioni possono aiutare a determinare…

Contenuti dell'articolo