Come conservare il lievito di birra

Come conservare il lievito di birra

Il lievito di birra, sia liquido che secco, può essere conservato in frigorifero per prolungarne la durata da poche settimane a diversi mesi. Tuttavia, la conservazione a basse temperature è particolarmente vantaggiosa per le bustine di lievito liquido, che hanno una durata di conservazione più breve rispetto al lievito secco.

Tuttavia, non tutti i tipi di lievito secco richiedono la conservazione in frigorifero. La corretta conservazione del lievito di birra richiede una comprensione delle sue caratteristiche e delle diverse forme disponibili.

In questo articolo, esploreremo cosa è il lievito di birra e le sue varianti, nonché forniremo indicazioni dettagliate sulla conservazione adeguata.

Cos’è esattamente il lievito di birra?

È cruciale tenere a mente che il lievito è un organismo unicellulare vivente appartenente alla famiglia dei funghi e, come molte altre creature simili, reagisce al freddo. Pertanto, la chiave è prolungare la vita di queste cellule per garantire una fermentazione ottimale, poiché più cellule di lievito vitali sono presenti nella tua birra, migliore sarà il processo fermentativo.

Inoltre, è importante sottolineare che ogni varietà o ceppo di lievito ha una diversa tolleranza alle temperature calde e fredde. E’ essenziale comprendere queste caratteristiche al fine di ottenere risultati più efficienti e di alta qualità.

Tipi di lievito di birra

Come accennato in precedenza, esistono numerose varietà di lievito che contribuiscono a creare birre con caratteristiche molto diverse tra loro. Inoltre, il lievito commerciale è disponibile in due formati principali: lievito liquido e lievito secco. Ciascuna di queste varianti presenta vantaggi specifici e richiede un metodo di conservazione adeguato per ottenere risultati ottimali.

Lievito secco

Secondo alcune opinioni, si potrebbe assistere a un cambiamento di prospettiva riguardo al lievito di birra secco, nonostante i puristi lo scoraggino. Il lievito secco è costituito da cellule di lievito disidratate e liofilizzate, rendendolo più facile da conservare per utilizzi successivi.

Rispetto al suo controparte liquida, ha il vantaggio di contenere un maggior numero di cellule di lievito per confezione, di resistere meglio anche a temperature elevate, di essere più economico e di non richiedere un’eccessiva preoccupazione per l’ossigenazione del mosto prima dell’utilizzo.

Lievito liquido

Il lievito liquido ha guadagnato una notevole popolarità grazie alla vasta gamma di ceppi disponibili sul mercato. La sua caratteristica principale è la facilità nel trovare il ceppo di lievito specifico o simile a quello utilizzato nelle tue birre commerciali preferite.

Inoltre, l’utilizzo del lievito liquido consente di sperimentare una maggiore varietà di ceppi stagionali nel processo di produzione della birra casalinga.

Tuttavia, bisogna considerare che il lievito liquido tende ad essere più costoso rispetto al lievito secco. Inoltre, un’impropria conservazione può ridurre drasticamente il numero di cellule vitali presenti nel lievito, rendendo necessario l’utilizzo di pacchetti aggiuntivi o addirittura del lievito madre. Infine, se il mosto non viene correttamente aerato, la crescita del lievito potrebbe essere compromessa, influenzando negativamente la qualità finale della birra.

Lievito raccolto

Il processo di riciclo del lievito è ampiamente diffuso nella comunità della birra commerciale e, in misura minore, nei circoli dell’homebrewing. Questa pratica si basa sul recupero di un lievito sano e altamente vitale da un lotto di birra appena fermentato.

Di solito, il recupero avviene durante il travaso della birra nel fermentatore secondario o durante l’imbottigliamento o l’inscatolamento per la carbonatazione. Se si utilizzano attrezzature estremamente pulite, raccogliere il lievito da una produzione di birra precedente risulta essere sia semplice che molto conveniente.

Conservare il lievito secco

Anche se la conservazione in frigorifero prolunga la durata del lievito secco, non è un requisito indispensabile. Grazie al suo processo di preparazione, il lievito può sopravvivere felicemente per circa un anno se conservato in un luogo fresco e asciutto.

Tuttavia, come regola generale, è consigliabile utilizzare il lievito il prima possibile, poiché ogni mese potrebbe perdere circa l’uno o due percento delle sue cellule vitali. Prima dell’uso, è necessario reidratare il lievito in acqua tiepida (ma non bollente) per circa 20 minuti, in modo da ottenere il massimo dalle cellule di lievito che sono rimaste vitali durante il periodo di conservazione.

Conservare il lievito liquido

Il lievito liquido è disponibile in piccole fiale o in confezioni chiamate “smack pack”. Poiché il lievito è più attivo, richiede una conservazione diversa rispetto al lievito secco. Durante i mesi estivi, si consiglia di evitare l’acquisto di lievito liquido da luoghi diversi da birrifici locali e di verificare che il lievito non abbia subito viaggi troppo lunghi. Il calore e la luce possono danneggiare le cellule di lievito nel pacchetto liquido, con una potenziale perdita del 10-20 volte superiore rispetto al lievito secco mensilmente.

Quando si acquista il lievito liquido, è consigliabile conservarlo in frigorifero a una temperatura di 4°C o inferiore immediatamente dopo l’acquisto. Inoltre, si dovrebbe richiedere che il lievito venga raffreddato durante il trasporto, se possibile. Quando si utilizza il lievito (senza conservarlo per più di 6 mesi), è importante creare uno starter per massimizzare l’utilizzo delle cellule di lievito disponibili.

Il lievito di birra può essere congelato?

Come per molti organismi unicellulari simili, il lievito non viene necessariamente ucciso dal congelamento. Nel caso del lievito secco, viene spesso liofilizzato durante la produzione, il che gli conferisce una maggiore resistenza. Tuttavia, il congelamento può danneggiare la struttura interna delle cellule, quindi sarebbe preferibile evitarlo quando possibile.

Il congelamento sospende l’attività del lievito, consentendone una conservazione più lunga nel congelatore, potenzialmente indefinita. Tuttavia, è necessario riattivare le cellule di lievito prima dell’uso, e uno starter è un ottimo modo per farlo.

Tuttavia, non è consigliabile congelare il lievito liquido o il lievito raccolto. Queste forme di lievito sono molto più attive e potrebbero subire una maggiore perdita di vitalità rispetto al lievito essiccato. Sebbene ci siano storie di successo riguardo al congelamento di pacchetti di lievito liquido, non sembra essere una pratica necessaria e potrebbe comportare il rischio di ottenere cellule di lievito non vitali.

Approfondimento:

Preferenze Privacy