Come conservare le orchidee

Come conservare le orchidee: 6 semplici modi per mantenere in vita

Le orchidee non sono piante per persone smemorate. Se vuoi solo una pianta che puoi annaffiare una volta alla settimana e lasciarla da sola per lunghi periodi di tempo, allora attieniti alle piante grasse.

Le orchidee sono belle quando sbocciano e mantenerne una in vita a lungo ti renderà davvero orgoglioso, ma preparati a coccolarle un po’ più spesso rispetto ad altre piante. Ecco sei suggerimenti per aiutarti a mantenere in vita le tue orchidee.

Come conservare le orchidee: Assicurati che riceva il giusto tipo di luce

Le orchidee hanno bisogno di molta luce brillante e indiretta. Se vengono posti alla luce diretta del sole, come quella che potresti trovare intorno a mezzogiorno o nel primo pomeriggio, rischi di bruciare le foglie e far appassire i fiori.

Posiziona le tue orchidee in una finestra esposta a est che riceve la luce del mattino. Puoi anche utilizzare finestre rivolte a sud o a ovest, ma dovrai spostare o proteggere l’orchidea dall’intensa luce solare di mezzogiorno.

Come puoi sapere se la tua orchidea sta ricevendo abbastanza luce? Le foglie scure indicano che la pianta non riceve abbastanza luce solare, mentre le foglie con una tonalità rossa ricevono troppa luce solare.

Conservare le orchidee: Irrigazione

Il modo in cui innaffi un’orchidea è una parte cruciale della cura dell’orchidea. Prova ad innaffiare le orchidee circa una volta alla settimana con acqua tiepida o a temperatura ambiente.

Quando innaffi l’orchidea, prova a versarla sotto le foglie della pianta. Se inumidisci la corona (la parte centrale della pianta da cui tutto sta crescendo), asciugala con un tovagliolo di carta. Se la corona rimane bagnata troppo a lungo, può portare alla putrefazione della corona, che ucciderà la pianta.

Quindi, prova ad annaffiare la pianta nei giorni di sole prima di mezzogiorno. L’irrigazione all’inizio della giornata darà alla pianta più tempo per asciugarsi al sole se una qualsiasi parte della corona si bagna.

Assicurati che il vaso abbia un drenaggio e che la tua pianta non sia mai immersa nell’acqua. Potrebbe essere necessario annaffiare l’orchidea più spesso in estate e meno spesso in inverno.

Per conservare le orchidee mettile in una stanza calda

Le orchidee prosperano in ambienti mantenuti da 18 gradi C a 30 gradi C. Cerca anche di tenerli lontani da forti fonti di calore, perché l’aria intorno a cose come il radiatore o il frigorifero sarà molto più secca, il che potrebbe seccare le foglie della tua pianta.

Se tieni le tue orchidee su un davanzale, assicurati che non tocchino il vetro della finestra. In inverno nei climi freddi, il vetro potrebbe congelare le foglie di un’orchidea.

La giusta conservazione delle orchidee prevede di tagliare i fiori morti

Se una fioritura sul tuo fiore sembra che stia cedendo, allora puoi fare una delle due cose:

  • Puoi tagliare l’intera punta fino alle foglie, che produrranno un nuovo stelo di fiori più forte in circa un anno.
  • Puoi tagliare al di sotto della fioritura morta più bassa, al primo “nodo”. Quello stelo produrrà più fiori in circa 8-12 settimane.

Conservazione delle orchidee e nutrizione

Quando non stanno fiorendo, dai alle tue orchidee un fertilizzante 20-20-20. Le orchidee tendono a fare meglio con troppo poco piuttosto che con troppo fertilizzante, quindi raccomandano un approccio “debole, settimanale” alla concimazione.

Utilizzare il fertilizzante una volta ogni due settimane o almeno una volta al mese a metà della forza. Ciò significa che dovrai mescolarlo con una uguale quantità di acqua prima di versarlo sotto le foglie della tua pianta.

Non invasare le orchidee nel terreno

Le orchidee crescono attaccate ad altre piante in natura, quindi non metterle in vaso nel terreno. Mettili in una corteccia sciolta e rinvasati ogni volta che i trucioli di corteccia si decompongono, che di solito è tra uno e tre anni.

Se hai bisogno di rinvasare un’orchidea, è meglio aspettare che abbia finito di fiorire.