Come conservare il cocco

Come conservare il cocco

I cocchi sono frutti esotici dalle eccezionali proprietà, la cui polpa e acqua sono perfette per arricchire dolci, centrifugati e ricette salate. Tuttavia, non è sempre facile gestire a casa questi grandi frutti dal guscio molto duro.

Dopo averlo aperto, infatti, è importante conoscere alcuni trucchi per conservare bene sia la noce intera che la polpa, preservandone a lungo tutte le proprietà. Con piccoli e semplici accorgimenti è possibile mantenere il cocco fresco più a lungo, per gustarlo al meglio anche lontano dalle spiagge tropicali.

Scopriamo insieme i metodi migliori per conservare il cocco intero o già aperto.

Come conservare il cocco chiuso

Per conservare al meglio il cocco ancora chiuso ed intero, è sufficiente seguire pochi e semplici accorgimenti:

  • Scegliere cocchi dal guscio integro, senza crepe o ammaccature.
  • Tenerli in un ambiente fresco e areato, fuori dal frigorifero.
  • Evitare fonti di calore dirette che accelerano il deterioramento.
  • Agitare leggermente il cocco per verificare la presenza di liquido all’interno.
  • L’acqua di cocco mantiene la polpa fresca e integra.
  • Un cocco chiuso può conservarsi anche per 4 mesi dalla raccolta.

Seguendo questi consigli, il cocco intero si manterrà a lungo, pronto per essere aperto al momento del bisogno.

Come conservare il cocco una volta aperto

Quando il cocco viene aperto, è importante conservare correttamente sia la polpa che l’acqua per preservarne le proprietà. Ecco alcuni consigli:

  • Aprire il cocco con attenzione, facendo dei fori nel guscio con un coltello.
  • Raccogliere l’acqua di cocco che fuoriesce, ricca di sali minerali.
  • Staccare con cura la polpa dal guscio.
  • Riporre la polpa avanzata coperta in frigorifero e consumarla entro pochi giorni.
  • Congelare la polpa in porzioni, per usarla anche dopo settimane.
  • Conservare l’acqua di cocco in bottiglia in frigo per 2-3 giorni.

Seguendo questi semplici accorgimenti, sia la polpa che l’acqua si manterranno integre e gustose più a lungo.

Come conservare il cocco in frigorifero

Capita spesso di acquistare una noce di cocco intera, magari attratti dal suo caratteristico e invitante aroma tropicale, salvo poi chiedersi come conservarla al meglio una volta a casa. Aprire il cocco non è semplice, dato il suo guscio estremamente duro, quindi la prima opzione è mantenerlo intero il più a lungo possibile. Per farlo basta collocarlo in un luogo fresco e asciutto, lontano da fonti di calore; in questo modo può durare diversi mesi.

Quando si decide di rompere il guscio, occorre prestare attenzione a non sprecare l’acqua aromatizzata in esso contenuta, ottima per arricchire frullati ed altre ricette. La polpa va poi conservata in frigorifero immersa nell’acqua, che va cambiata quotidianamente, oppure coperta con ghiaccio tritato. Così trattata, la polpa di cocco dura circa 5-6 giorni prima che il suo alto contenuto di oli ne causi l’irrancidimento. Insomma, con piccole accortezze è possibile gustare il cocco fresco anche lontano dalle spiagge tropicali!

Possiamo congelare il cocco per una lunga conservazione?

Il congelamento è un ottimo sistema per conservare a lungo la polpa di cocco senza che perda le sue proprietà. Ecco come procedere:

  • Scegliere cocchi ben maturi e procedere all’apertura con cura.
  • Prelevare la polpa, rimuovere la parte esterna più dura e tagliare a pezzi.
  • Disporre i pezzetti in un contenitore per alimenti con chiusura ermetica.
  • Eliminare bene l’aria dal contenitore e inserire in freezer a -18°C.
  • La polpa di cocco surgelata si conserva fino a 4-5 mesi senza alterazioni.
  • Scongelare lentamente in frigo prima dell’uso.

Conservare il cocco essiccato

L’essiccazione è un ottimo metodo per preservare a lungo la polpa di cocco mantenendone inalterate le proprietà. Dopo aver aperto con cura il cocco, è necessario rimuovere la polpa dal guscio e tagliarla a fettine sottili. Le fettine vanno poi distese su teglie foderate con carta forno e messe in forno a bassa temperatura, tra i 50 e i 60°C, per 6-8 ore.

Durante la cottura, le fettine vanno girate un paio di volte. Quando risultano ben asciutte e croccanti, il cocco essiccato è pronto. A questo punto va fatto raffreddare e riposto in barattoli di vetro perfettamente chiusi. Conservato in questo modo, il cocco essiccato si mantiene intatto a lungo, perfetto per arricchire muesli, dolci e yogurt. Ha un sapore delizioso di cocco tostato.

Letture correlate:

Preferenze Privacy