Come conservare il caffè

Il caffè è un prodotto delicato, che assorbe rapidamente gli odori circostanti e perde il proprio sapore se non viene conservato correttamente.

Contrariamente a quanto molti pensano, il caffè non ha una durata di conservazione molto lunga e può diventare rapidamente inutilizzabile. Come il vino, il caffè è sensibile a molti fattori che possono alterarne significativamente la qualità e il gusto.

Ecco come conservare al meglio il caffè, indipendentemente dalla sua forma.





Come conservare il caffè correttamente

Se ti stai chiedendo come conservare il caffè, partiamo con il dire che: I più grandi nemici dei tuoi chicchi di caffè sono l’aria, l’umidità, il calore e la luce. Per preservare il più a lungo possibile il sapore fresco tostato dei tuoi chicchi di caffè, conservali in un contenitore opaco e ermetico a temperatura ambiente.

I chicchi di caffè possono essere belli, ma evita i contenitori trasparenti che permetteranno alla luce di compromettere il gusto del tuo caffè. Conserva il caffè in un luogo buio e fresco. Ad esempio un mobile vicino al forno è troppo caldo, così come una finestra della cucina dove riceve troppa luce.

Potrebbe interessarti: Come conservare i fondi di caffè usati.



Per riassumere: i quattro nemici del caffè sono il calore, la luce, l’acqua e l’aria.

Il caffè è igroscopico. Ciò significa che assorbirà l’acqua dall’aria. Quando il caffè assorbe l’acqua, sposta gli oli essenziali nel caffè e accelera l’invecchiamento. In secondo luogo, il caffè appena tostato espelle molta CO2. È un sottoprodotto naturale del processo di tostatura.

La chiave per mantenere il caffè fresco più a lungo è consentire alla CO2 di uscire prevenendo l’ossidazione. L’ossidazione accelera con una superficie maggiore, quindi il caffè macinato si ossida molto più velocemente del chicco intero.

Il caffè è un prodotto alimentare. Il cibo ama i luoghi freschi e bui per rimanere freschi. Proprio come il pane appena sfornato, se il caffè viene lasciato al sole, diventerà duro molto velocemente.

Infine, il caffè ama il calore quando è pronto per l’infusione, sciogliendo i composti aromatici e gli oli nei fondi in una bevanda deliziosa. Tuttavia, se viene esposto al calore prima della preparazione, inizierà a rompersi e a perdere quel sapore incisivo.

Potrebbe interessarti: Come usare i fondi di caffè.



Come congelare il caffè

La freschezza è fondamentale per una tazza di caffè di qualità. Gli esperti concordano sul fatto che il caffè dovrebbe essere consumato il più rapidamente possibile dopo la tostatura ( qui un articolo sulla conservazione del caffè tostato), soprattutto una volta rotto il sigillo della confezione originale.

Sebbene ci siano opinioni diverse sull’opportunità o meno di congelare o refrigerare il caffè, la considerazione principale è che il caffè assorbe l’umidità – e gli odori e i sapori – dall’aria circostante, poiché come abbiamo già scritto è igroscopico.

La maggior parte dei contenitori per la conservazione domestica lascia ancora entrare piccole quantità di ossigeno, motivo per cui il cibo conservato a lungo nel congelatore può subire ustioni da congelamento.

Pertanto, se refrigerate o congelate i chicchi di caffè, assicuratevi di utilizzare un contenitore veramente ermetico. Il congelamento del caffè non modifica il processo di preparazione di base.



Come conservare il caffè: Step by step

Non importa se si tratta di chicchi interi o caffè macinato, puoi seguire questi metodi a breve e lungo termine per mantenere il tuo caffè croccante e compatto:

Controlla la temperatura

Nella maggior parte dei casi, i luoghi in cui conservi il caffè non saranno ottimali. Ad esempio, accumulare il caffè negli armadi vicino al piano cottura lo renderà troppo caldo e lasciarlo sul piano di lavoro ne diluirà il sapore a causa dell’esposizione alla luce solare che scorre attraverso le finestre.

Utilizzare il sacchetto del caffè del rivenditore

Puoi tenere il caffè sul piano di lavoro, nell’armadio, lontano dalla luce solare diretta se sigillato nella busta del caffè, sono entrati. Assicurati di risigillarlo bene dopo ogni porzione. La migliore pratica è usare un clipper, spingere fuori dalla borsa quanta più aria possibile e chiudere l’apertura.



Contenitori ermetici e resistenti alla luce

Contenitori come barattoli di vetro, bottiglie riutilizzate o sacchetti di plastica sono facili da trovare. La maggior parte di loro non consente all’aria di entrare nel tuo caffè. Puoi usarne uno qualsiasi, ma assicurati di metterlo in un luogo sempre lontano dalla luce solare, vale a dire, in un armadio o in una dispensa.

Al contrario, puoi usare un contenitore che sia ermetico e resistente alla luce. In particolare, un barattolo di caffè è abbastanza buono da tenere fuori l’ossigeno e impedire che il caffè si raffreddi a causa dell’esposizione alla luce.



Utilizzare il congelatore solo per la conservazione a lungo termine

Parlando di freschezza, conservare il caffè apertamente in un congelatore lo fa invecchiare più velocemente e influisce notevolmente sul suo gusto. Ma quando sei sul punto morto o hai acquistato il caffè in grandi quantità, è bene fare scorta di diversi sacchetti più piccoli e congelare quelli che non utilizzerai in una settimana o due.
Assicurati solo che ogni busta sia sigillata con una plastica spessa o un altro contenitore ermetico.

Ciò garantisce che il caffè abbia un’esposizione minima all’ossigeno. Puoi conservare quei sacchetti sigillati in un congelatore o in un frigorifero per mantenerli a condizioni di temperatura e umidità costanti.

Ricorda, mentre prendi il caffè dal freezer, fallo immediatamente; non rimettete in freezer, altrimenti causerà la perdita di sapore a causa dei ripetuti sbalzi di temperatura.



Come conservare il caffè in capsule

Per gli appassionati di caffè, le cialde di caffè sono l’ideale delle bevande preparate. Queste invenzioni si presentano sotto forma di caffè pre-quantificato e pre-macinato accuratamente confezionato in contenitori di carta o alluminio.

Gli utenti devono inserire una cialda in una macchina da caffè e la loro prossima tazza sarà pronta in pochi secondi. Tuttavia, con questa invenzione arriva un nuovo tipo di mal di testa: come conservare le cialde di caffè.

Poiché esiste un’ampia selezione di cialde di caffè e un po ‘ingombranti, conservare in modo efficiente questi articoli è un fastidio significativo per la maggior parte dei bevitori di caffè in tutto il mondo. Occupano molto spazio, soprattutto per le persone con cucine piccole.

Inoltre, senza un mezzo sistematico per organizzare i tuoi baccelli, è probabile che trascorrerai molto tempo ogni mattina cercando di individuare un particolare tipo di capsula da un’enorme pila di baccelli variegati. Questo inconveniente provoca molta frustrazione e potrebbe finire per rovinare l’intera mattinata.

Storicamente, le persone conservano le cialde di caffè nei frigoriferi in quanto offrono ampio spazio e quello che è percepito come un metodo di conservazione sicuro per queste capsule. In realtà, tuttavia, non è consigliabile conservare le cialde di caffè in frigorifero poiché è probabile che assorbano gli odori del frigo.



Conservare le cialde in cassetti estraibili

Per chi ha cucine minuscole con spazio limitato per installare i banconi, questa è una soluzione ideale per il tuo enigma di conservazione delle cialde di caffè. Puoi acquistare cassetti estraibili da cucina da commercianti online o da qualsiasi negozio vicino a te. Anche i negozi di bricolage sono una valida alternativa in quanto offrono cassetti da cucina pronti per il montaggio.

Tuttavia, assicurati che il cassetto che selezioni sia sufficientemente robusto da sostenere il peso della tua macchina da caffè; altrimenti, tornerai a casa con un cassetto distrutto e una macchina per il caffè.



Conclusioni sulla conservazione del caffè

Se costruisci le tue abitudini di conservazione del caffè intorno a questi principi, il tuo caffè manterrà la sua massima freschezza e qualità per mesi e persino anni prima che inizi a vedere un calo del gusto.

Non è difficile da gestire, basta buttare i chicchi in un contenitore ermetico opaco e conservarli in un luogo fresco e asciutto, al riparo dall’umidità. Vai tranquillo! Non dimenticare, un’eccellente conservazione del caffè funziona solo quando inizi con il caffè appena tostato.



Come tostare il caffè in casa

Se sei un intenditore di caffè, potresti provare a comprare, a macinare i tuoi chicchi di caffè. I chicchi di caffè sono spesso disponibili presso i rivenditori di caffè di fascia alta. I fagiolini si conservano meglio e durano più a lungo dei chicchi di caffè tostati; conservati correttamente, possono rimanere freschi per più di un anno.

Con un po’ di lavoro, puoi tostare i chicchi di caffè a casa e poi macinarli secondo necessità per ottenere il caffè più fresco possibile.

Nei primi giorni dopo aver tostato il caffè, i chicchi rimuoveranno molta anidride carbonica. Conservali in un sacchetto sigillato con valvola o mettili in un contenitore ermetico e apri il contenitore una volta al giorno per i primi giorni dopo la tostatura per rilasciare l’anidride carbonica accumulata.

Se sei alle prime armi e non ha mai tostato il caffè in casa, ti proponiamo un video estrapolato dal canale YouTube di Chef Stefano Barbato, dove ci spiega come tostare il caffè in 3 minuti e qui informazioni inerenti i valori nutrizionali.

Questo articolo è stato scritto e gentilmente offerto da Settemila Caffè Azienda vending di Roma.

Articolo correlato: Benefici del caffè.