Come conservare i pancake in frigorifero e tramite congelamento

Come conservare i pancake

I pancake sono un dolce sempre più amato e diffuso, perfetti per una gustosa colazione o merenda, da accompagnare con frutta, sciroppo o creme spalmabili. Ma come conservare correttamente i pancake fatti in casa, in modo che si mantengano soffici e fragranti più a lungo?

Preparare in anticipo queste gustose frittelle è molto utile per averle sempre pronte quando si vuole, senza doverle cucinare ogni volta. Esistono alcuni semplici accorgimenti per una corretta conservazione dei pancake avanzati o appena fatti, così da poterli gustare durante la settimana mantenendo intatte morbidezza e fragranza.

Dopo la preparazione, è importante far raffreddare completamente i pancake prima di conservarli. Poi vanno riposti in contenitori ermetici, preferibilmente in vetro o plastica, da tenere in frigorifero fino al consumo. In alternativa, si possono anche congelare in apposite vaschette per pancake.

Seguendo pochi semplici accorgimenti, i pancake home made si potranno gustare durante tutta la settimana, come appena sfornati!

Come conservare i pancake in frigorifero

Per conservare al meglio i pancake in frigorifero ed evitare che si secchino o diventino gommosi, è importante seguire alcuni semplici accorgimenti. Prima di tutto, una volta pronti è bene far raffreddare completamente i pancake, evitando di conservarli ancora caldi.

Bisogna poi riporli in contenitori ermetici, preferibilmente in vetro o plastica, avendo cura di lavarli e asciugarli perfettamente. I contenitori devono essere chiusi in modo che l’aria non entri in contatto con i pancake. In alternativa, è possibile conservare le frittelle in una ciotola coperta con pellicola trasparente, facendo aderire bene la pellicola alla superficie.

Una volta in frigo, i pancake si mantengono per 2-3 giorni al massimo. Prima di consumarli è consigliabile riscaldarli leggermente con il microonde o in padella per farli tornare soffici e fragranti. Seguendo questi semplici accorgimenti per la conservazione in frigorifero, i pancake home made si potranno gustare come appena fatti per 2-3 giorni.

Come conservare i pancake a temperatura ambiente

Se avanzano dei pancake appena fatti e non si ha modo di conservarli in frigorifero, è possibile mantenerli a temperatura ambiente per un breve periodo.

In questo caso è molto importante che i pancake siano completamente raffreddati prima di essere lasciati fuori dal frigo. Vanno poi riposti in un contenitore ermetico o avvolti con pellicola trasparente, evitando l’esposizione all’aria.

I pancake conservati in questo modo potranno essere consumati al massimo entro 8-12 ore. Oltre questo tempo limite, è elevato il rischio che si secchino, diventino gommosi o si formino muffe. Prima di mangiarli dopo la conservazione a temperatura ambiente, è bene sempre riscaldarli brevemente nel microonde o in padella, in modo da farli tornare morbidi.

In sintesi, la conservazione dei pancake a temperatura ambiente è possibile solo per poche ore e richiede alcune accortezze, come raffreddarli completamente e isolarli dall’aria.

Come conservare i pancake mediante il congelamento

Il congelamento è un ottimo sistema per conservare a lungo i pancake senza che perdano fragranza e morbidezza. Anche in questo caso, prima di congelarli è bene far raffreddare completamente i pancake appena fatti.

Per ottimizzare gli spazi in freezer, i pancake vanno riposti in appositi contenitori o buste per alimenti, avendo cura di inserire fra uno strato e l’altro dei fogli di carta da forno tagliati a misura. In questo modo si eviterà che si attacchino tra loro durante il congelamento.

I contenitori vanno chiusi ermeticamente e vanno etichettati con la data di preparazione, in modo da consumare i pancake congelati entro un paio di mesi. Per scongelarli, basterà tirarli fuori dal freezer il giorno prima e lasciarli scongelare lentamente in frigo. Prima di mangiarli andranno scaldati brevemente in padella o nel microonde.

Come scongelare i pancake

Dopo aver conservato i pancake in freezer, arriva il momento di gustarli. Ma come fare per scongelarli nel modo corretto e farli tornare soffici?

La prima regola è quella di far scongelare i pancake con gradualità, senza passaggi bruschi di temperatura. Il modo migliore è tirarli fuori dal freezer il giorno prima del consumo e lasciarli scongelare lentamente in frigorifero per una notte intera, tenendoli sempre coperti.

Una volta scongelati, i pancake vanno scaldati brevemente prima di essere mangiati. Si possono scaldare in padella per 1-2 minuti per lato a fiamma dolce, oppure nel microonde per 20-30 secondi alla massima potenza.

Riscaldandoli delicatamente, i pancake scongelati recuperano la loro consistenza soffice e diventano nuovamente fragranti, pronti per essere gustati come se fossero appena fatti!

Come conservare l’impasto dei pancake

Può capitare di dover conservare l’impasto avanzato dei pancake, ad esempio quando se ne prepara una grande quantità. Per evitare sprechi, è importante conoscere alcuni semplici accorgimenti per mantenere la pastella a lungo senza che perda le sue proprietà.

Innanzitutto, l’impasto dei pancake si può preparare anche il giorno prima della cottura. Basterà conservarlo coperto in frigorifero dentro un contenitore ermetico o avvolto con pellicola trasparente. L’importante è evitare il contatto con l’aria.

La pastella conservata in frigo si manterrà perfetta per 1-2 giorni al massimo. Prima dell’utilizzo andrà tirata fuori dal frigorifero e fatta tornare a temperatura ambiente, mescolandola con una frusta per renderla nuovamente liscia e omogenea.

In alternativa, l’impasto dei pancake si può anche congelare in appositi contenitori, etichettandolo con la data di preparazione. In questo modo si potrà utilizzare l’impasto anche dopo settimane o mesi.

Articolo correlato: Come conservare i biscotti.

Preferenze Privacy